Home > Regate > 52 Super Series > Focus sulla raccolta dei rifiuti alimentari ed il consumo carburante

Focus sulla raccolta dei rifiuti alimentari ed il consumo carburante

 Stampa articolo
Focus sulla raccolta dei rifiuti alimentari
Focus sulla raccolta dei rifiuti alimentari

Lavorando a stretto contatto con lo sponsor della sostenibilità 11th Hour Racing da oltre quattro anni, la 52 SUPER SERIES ha raggiunto cambiamenti significativi e misurabili. Questi includono iniziative che sono ormai quasi comuni nelle principali regate veliche, come l’eliminazione di bottiglie di plastica monouso, fornendo punti di riciclaggio accessibili, richiedendo kit di versamento per i mezzi di supporto, organizzando pulizie in spiaggia e offrendo iniziative educative per i ragazzi del posto, con l’obiettivo di ispirare futuri manager del mare.

advertising

È particolarmente gratificante vedere che lo slancio per un cambiamento positivo proviene ora dalla stessa famiglia del circuito – marinai e shoreteam, guidati dagli Ambasciatori della sostenibilità di ogni team – che seguono con attenzione questo programma.

I punti salienti della stagione 2019 includono: la ricertificazione ISO 20121, uno standard di eccellenza per la gestione sostenibile degli eventi; assicurare nuovi sponsor di sostenibilità come Ecoworks Marine e Bluewater; e l’introduzione della pulizia subacquea dei marina guidata dai subacquei dei team.

Nel corso dello scorso inverno, il team di sostenibilità delle 52SUPER SERIES è stato impegnato a visitare il Royal Swedish Yacht Club e il Kieler Yacht-Club per la realizzazione di workshop personalizzati #ProtectOurPlayground sviluppati in collaborazione con 11th Hour Racing. Questi sono progettati per discutere le politiche e le pratiche ambientali con i team di gestione del club e i membri del club, con l’obiettivo di responsabilizzarli a implementare iniziative più sostenibili. Questi workshop continueranno per tutto l’anno in altri yacht club in tutta Europa.

A partire dal primo evento delle 52 SUPER SERIES del 2019 a Mahón, Minorca, gli organizzatori stanno pianificando di implementare una serie di nuove idee e iniziative che, si spera, promuoveranno ulteriori cambiamenti positivi all’interno del circuito e oltre.

Un nuovo argomento affrontato dalle 52 SUPER SERIES è lo spreco alimentare: con più di 400 individui in loco ogni settimana di regate e un totale di cinque regate, c’è un’opportunità di impatto positivo misurabile. Secondo l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite, circa un terzo del cibo prodotto nel mondo (per il consumo umano) ogni anno – circa 1,3 miliardi di tonnellate – viene perso o sprecato. La perdita e lo spreco di cibo si traducono in un grande spreco di risorse, tra cui acqua, terra, energia, lavoro e capitale, e producono inutilmente emissioni di gas serra, contribuendo al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici.

“È un delicato equilibrio”, afferma il direttore della sostenibilità delle 52 SUPER SERIES, Lars Böcking. “C’è una linea sottile tra il tentativo di ridurre lo spreco di cibo e semplicemente non fornire abbastanza cibo. Prima di affrontare il problema del cibo avanzato, perfezioniamo e personalizziamo le procedure di ordinazione e consegna, quindi abbiamo meno sprechi di cibo. Questo è un argomento che stiamo discutendo con il personale del catering dei team per aiutare a sviluppare un quadro più chiaro di ciò che siamo in grado di fare”.

I team vengono incoraggiati a utilizzare fornitori di alimentari locali che acquistano solo prodotti di provenienza locale e aderiscono a principi di base rispettosi dell’ambiente, come l’utilizzo di contenitori o imballaggi riutilizzabili.

“Abbiamo alcuni team che sono già molto avanti rispetto a questo aspetto e apprendiamo anche da loro, ma – come per le plastiche monouso, che ora sono vietate – vogliamo rendere questo modo di pensare totalmente universale nell’intera famiglia delle 52 SUPER SERIES “, afferma Christoph Kröger, Responsabile della sostenibilità del circuito.

Un altro elemento che gli organizzatori stanno pianificando di affrontare in questa stagione tratta la riduzione e il consumo di carburante e le emissioni dai numerosi mezzi/gommoni di supporto, una mossa che sta diventando sempre più ampiamente osservata durante la navigazione. Una riduzione del dieci percento della velocità equivale a una significativa diminuzione del consumo di carburante. Se moltiplichi questo per dieci barche d’appoggio, in cinque giorni di regate, i risparmi marginali possono accumularsi ed avere un grande impatto.

“Non si tratta solo di fare risparmi, finanziari, ambientali o di altro tipo, ma i nostri team sono influencer positivi di fama mondiale e quando promuoviamo un messaggio come questo alle migliaia di piloti di gommoni di di sicurezza e supporto presso i club di vela di tutto il mondo, questo può fare una grande differenza “, afferma Böcking.

Jeremy Pochman, co-fondatore e direttore strategico di 11th Hour Racing, ha commentato:

“Sappiamo che è tempo di agire immediatamente per ripristinare la salute dei nostri oceani. Le nostre abitudini quotidiane hanno il potere di creare un’ondata di impatto positivo; dal compostaggio dei rifiuti alimentari alla riduzione della dipendenza dai combustibili fossili, all’acquisto e al consumo di prodotti in modo responsabile. È davvero stimolante vedere che i tream e le persone in competizione nelle 52 SUPER SERIES stanno abbracciando questo cambiamento e affrontando nuove sfide, creando esempi forti e nuovi standard per la vela e la più ampia comunità sportiva”.

Le ultime notizie di oggi