Home > Personaggi > Giancarlo Pedote > Il 2016 agonistico di Giancarlo Pedote inizia in Italia

Tag in evidenza:

Il 2016 agonistico di Giancarlo Pedote inizia in Italia

 Stampa articolo
Giancarlo Pedote
Giancarlo Pedote

Sono 7 anni che Giancarlo Pedote non partecipa come skipper ad una regata italiana, conseguenza di una scelta fatta nel 2009, il suo secondo anno di Mini di Serie, dopo aver scelto di studiare in Francia la vela d’altura.

Dopo l’ultima regata in Italia a bordo del Pogo 2 Prysmian ITA 626, Pedote si è trasferito in Bretagna, ha lavorato con metodo, si è allenato con i migliori, ha conquistato nel 2009 il 4° posto di serie alla MiniTransat e nel 2013 il 2° posto assoluto con il prototipo Prysmian ITA 747.

Dopo due anni durante i quali ha vinto tutte le regate a cui ha partecipato, nel 2014 in stagione Mini e nel 2015 sul Multi 50 FenêtréA-Prysmian a fianco di Erwan Le Roux con il quale ha vinto l’ultima edizione della Transat Jacques Vabre, Giancarlo Pedote risale a bordo di Fantastica-Prysmian, il Class 40 di proprietà di Lanfranco Cirillo con cui a novembre 2014 ha corso un’impegnativa edizione della Route du Rhum.

La tenacia dimostrata in quell’occasione, grazie alla quale Pedote ha potuto arrivare 10° recuperando 30 posizioni dopo uno scalo tecnico e nonostante numerose avarie e imprevisti, ha legato l’architetto imprenditore trevigiano Lanfranco Cirillo allo skipper fiorentino, tanto che ha voluto rinnovare il binomio mettendogli a disposizione nuovamente l’imbarcazione, questa volta per una delle più importanti regate del circuito italiano: la Roma x1/x2/xTUTTI, in partenza il 10 aprile prossimo.

Si tratta della regata più seguita in Italia, dopo la Barcolana. Lo scorso anno ha raggiunto un’Audience Totale di 6.587.172 persone quasi equamente divise tra web e social (rilevazioni Data Stampa).

« Sono contento di tornare a navigare in Italia» dichiara Giancarlo Pedote, che non è nuovo di questa regata. « Ho partecipato alla Roma x2 nel lontano 2003, quando sognavo di fare il navigatore solitario. A questa regata partecipai con Piero e credo che fu un'esperienza molto forte quella che la vita decise di farci vivere. Nel 2005 ho avuto la possibilità di vincere la Roma xTUTTI a bordo di Steinlager 2, una barca mitica sulla quale ho imparato molto. Poi la lunga assenza dal Mediterraneo per venire a scuola in Atlantico. Sono felice e emozionato al pensiero di questa tappa in Italia: tornare a distanza di anni nello stesso luogo permette di vedere quante cose sono cambiate con il trascorrere del tempo e di fare un resoconto, anche se parziale, del cammino svolto».

A fianco del navigatore c’è sempre il Gruppo Prysmian, azienda italiana leader mondiale nel settore dei cavi e sistemi per energia e telecomunicazioni, che lo segue dal 2007 e lo affiancherà anche quest’anno, in un programma ancora da annunciare.