33ma Primo Cup day 2, la photogallery dello Studio Borlenghi

33ma Primo Cup day 2, la photogallery dello Studio Borlenghi

Close

Day 2 della 33ma Primo Cup, classica regata invernale dello Yacht Club de Monaco. Dopo un primo giorno da spettacolo si replica nella seconda giornata, mare formato e vento, conditi da quella luce che solo la Costa Azzurra sa offrire. I fotografi dello Studio Borlenghi Luca Buttò e Stefano Gattini salgono sulla cattedra del Maestro e ci regalano una sequenza di immagini emozionanti dai tre differenti campi di regata. Oggi si svolgeranno le ultime prove per le classi impegnate nel Principato: J/70, Melges 20, Star, Smeralda 888 e i catamarani M32, barca one design protagonista di vari circuiti tra cui il World Match Racing Tour. Per la prima volta dall'esordio del 1985, l'eventio si svolgerà in un solo week end anziché due.

advertising

La principale riguarda il formato delle regate, che saranno corse in un unico fine settimana,

Una grande tradizione

Campioni internazionali e velisti locali, tutti insieme a caccia della vittoria. Vediamo alcuni dei protagonisti. Nella classe Star, per la quale la Primo Cup è la seconda tappa del circuito invernale, attesi 20 team, tra cui l'ex olimpico austriaco di Pechino 2008 Christian Nehammer, e il campione del mondo 1991, l'italiano Roberto Benamati. Per il podio se la vedranno con lo statunitense Jack Jennings, che avrà a prua il forte tedesco Frithjof Kleen, campione del mondo 2014.

Il disegno di German Frers, la classe Smeralda 888, che conta appassionati estimatori tra i soci di Yacht Club Costa Smeralda e Yacht Club de Monaco, sarà al via con 12 barche, con Adalberto Miani nel ruolo di favorito

Nelle classi Melges 20 e J/70, che hanno fatto del Principato la propria base invernale da ottobre, molti equipaggi arrivano dal Nord e dall'Est Europa. Per esse la Primo Cup - Trofeo Credit Suisse, sarà tappa del Monaco Sportsboat Winter Series, che si concluderà con l'ultimo appuntamento a inizio marzo. Entrambe sono classi con grande diffusione internazionale, e sono attesi oltre 40 J/70 e oltre 20 Melges 20, tra i quali anche equipaggi di nome come Vincenzo Onorato (Mascalzone Latino, J/70) e il francese Sébastien Col (Arcora, Melges 20)