Home > Istituzioni > Soprintendenza Mare Siciliana > Il Sistema interattivo di fruizione di beni archeologici subacquei, presentato alla Soprintendenza del Mare per la Regione Sicilia

Tag in evidenza:

Il Sistema interattivo di fruizione di beni archeologici subacquei, presentato alla Soprintendenza del Mare per la Regione Sicilia

 Stampa articolo
Il Sistema interattivo di fruizione di beni archeologici subacquei, presentato alla Soprintendenza del Mare per la Regione Sicilia
Il Sistema interattivo di fruizione di beni archeologici subacquei, presentato alla Soprintendenza del Mare per la Regione Sicilia

Qualche giorno fa vi abbiamo proposto un approfondimento, diffuso dalla Soprintendenza del Mare per la Regione Sicilia, su un Sistema interattivo di fruizione di beni archeologici subacquei, disponibile per tutti i diver appassionati che si immergeranno nelle splendide acque dell'Isola. Specificamente il sistema sarà in funzione nei sette itinerari culturali subacquei realizzati nell’ambito del Programma Operativo Interregionale Attrattori culturali, naturali e turismo (POIn) con il progetto “Itinerari Culturali Subacquei in Sicilia”. A Taormina sarà quindi possibile visitare il cosiddetto “Relitto delle colonne”, a Capo Passero il Relitto dei marmi, a Ustica Punta Falconiera e Punta Spalmatore, a Noto il Relitto delle anfore, a Marettimo il Relitto dei cannoni e a Marzamemi ancora il Relitto delle colonne. Sette itinerari archeologici, tre dei quali all’interno di Aree Marine Protette, per la valorizzazione del patrimonio culturale sottomarino e la riscoperta dei tesori custoditi nei fondali siciliani, parte dei quali svelati nel corso degli ultimi 10 anni.

Dopo avervi mostrato le foto del sistema, stavolta vi proponiamo un suggestivo filmato subacqueo che lo fa vedere applicato nei citati itinerari archeologici.