Home > Istituzioni > Guardia Costiera > Il workshop “Funzioni pubbliche, shipping e marittimità”

Tag in evidenza:

Il workshop “Funzioni pubbliche, shipping e marittimità”

 Stampa articolo
Il workshop “Funzioni pubbliche, shipping e marittimità”
Il workshop “Funzioni pubbliche, shipping e marittimità”

Nella giornata odierna, presso la sala conferenze del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, si è tenuto il workshop dal titolo  “Funzioni pubbliche, shipping e marittimità” organizzato dal Comando generale in collaborazione con l’International Propeller Clubs e con la Federazione del Mare

L'incontro, in continuità con l'analogo evento tenutosi esattamente un anno fa presso il Comando in Capo della squadra navale, ha rappresentato un’ulteriore occasione di confronto tra le Istituzioni e il cluster marittimo/portuale, affinché, pur nel rispetto delle diverse competenze e specificità, si potessero gettare le basi per un lavoro comune a sostegno di un unico obiettivo: la promozione e lo sviluppo del sistema Paese nel Mediterraneo, dove la delicata situazione politica della sponda sud costituisce una variabile niente affatto trascurabile.

Dopo i tradizionali saluti di benvenuto, i lavori sono stati introdotti dall’Avv. Umberto MASUCCI, Presidente Propeller Clubs, che nel prendere la parola ha voluto ringraziare il Corpo delle Capitanerie di Porto e la Marina Militare per il fondamentale servizio svolto a protezione dei nostri mari.

A seguire, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, l’Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Giovanni PETTORINO, nel ribadire l’importanza per il Paese dell’economia del mare, ha sottolineato dapprima l’importante traguardo dei 25 anni raggiunto dall’attuale legge 84/1994 sulla portualità, ed ha evidenziato come la sicurezza marittima sia oggi un valore imprescindibile, senza il quale non può esserci né vita, né sviluppo, né economia dei porti, ed alla cui tutela, nelle sue varie declinazioni, contribuisce in modo determinante la Guardia Costiera.

 

Ha poi preso la parola il Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio di Squadra Donato MARZANO, che ha affrontato il tema degli “Incontri tra istituzioni, enti, agenzie, associazioni che operano o hanno interessi sul mare,” sottolineando come incontri come quello odierno “sono importanti per consentire un continuo confronto, franco e aperto, tra tutti gli stakeholders sulla tematica della Sicurezza Marittima nelle aree di interesse nazionale” e fornendo, altresì, un quadro aggiornato delle principali aree di instabilità a livello globale e del contributo fornito dalla Forza armata.

L’arch. Mauro COLETTA, Direttore generale per la vigilanza sulle Autorità portuali, le infrastrutture portuali e il trasporto marittimo e per vie d'acqua interne, ha dato lettura di un messaggio da parte del Vice Ministro On.le Edoardo Rixi, assente per precedenti impegni istituzionali, evidenziando come “Il ritrovarsi tutti insieme come cluster, in vari contesti, risponde soprattutto all’esigenza di un confronto sereno e produttivo, di una maggiore unità di intenti per affrontare gli effetti dirompenti di portata globale, che vedono i riflettori puntati sul Mediterraneo, per la sua strategicità geografica e quindi per le sue potenzialità”.

Il Direttore Generale di AssArmatori Alberto Rossi ha evidenziato l’importanza di eventi che favoriscono scambi qualificati di idee tra gli operatori del settore con la presenza della parte pubblica, individuando le prossime sfide che il settore sarà chiamato ad affrontare in conseguenza delle normative europee di imminente applicazione.

Infine, il dott. Mario MATTIOLI, Presidente di Confitarma e della Federazione del Mare ha rinnovato l’esigenza di dare al settore marittimo la centralità, anche amministrativa, che merita in relazione al contributo determinante per l’economia del Paese e l’importanza di agire avendo, quale principale obiettivo, lo sviluppo della competitività del settore lavorando uniti per la semplificazione e l’eliminazione di alcune inefficienze.   

Al termine del workshop, l’incontro è poi proseguito con una visita alla Centrale operativa dell'IMRCC Roma (Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo della Guardia Costiera), dove agli ospiti sono state illustrate le tecnologie che costituiscono il "cuore" operativo della Guardia Costiera, i sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo dei quali il Corpo si avvale per lo svolgimento delle numerose attività di competenza.

Le ultime notizie di oggi