Home > Istituzioni > Guardia Costiera > Guardia Costiera: Operazione Anchovy

Guardia Costiera: Operazione Anchovy

 Stampa articolo
Operazione Anchovy Guardia Costiera
Operazione Anchovy Guardia Costiera

Nel corso dell’operazione complessa svolta nell’ambito della Sicilia Orientale e denominata “Anchovy”, mirata alle verifiche sulla filiera della pesca, promossa dalla Direzione Marittima di Catania, personale dipendente della Capitaneria di Porto di Messina ha proceduto nella nottata al sequestro di circa 11.000 Kg di pesce di varia tipologia, di cui 500 Kg di novellame di sarda, contenuto in n.96 cassette in polistirolo.

L’azione è stata portata a termine presso gli approdi di rada San Francesco e Tremestieri  a seguito del controllo dei mezzi furgonati e frigoriferi provenienti dalla costa Calabra.

Nella mattinata di ieri, inoltre, erano già state eseguite diverse attività di controllo anche sul territorio che hanno determinato il sequestro di circa 30 Kg di pesce che si presentava in pessimo stato di conservazione.

L’azione di questa notte è frutto anche di una proficua  collaborazione con  la Capitaneria di Porto di Reggio Calabria ed è finalizzata  alla tutela  della salute dei consumatori.

Con l’occasione si richiama l’attenzione dei consumatori sulla opportunità di evitare il consumo di prodotti della pesca privi di elementi che ne garantiscano la effettiva provenienza e quindi la buona qualità (cartellino riportante zona di provenienza, denominazione etc.) la Capitaneria di Porto è disponibile a fornire ogni utile informazione.

 

Sul litorale messinese, in località Maregrosso, sono stati demoliti tre manufatti in cemento armato insistenti, abusivamente, su demanio marittimo.

L’operazione di demolizione e bonifica, effettuata con l’ausilio con la sezione Movimento Terra del Comune di Messina, ha impegnato  il personale della Capitaneria di Porto – Guardia costiera per lungo tempo e rientra nell’ambito dell’opera di recupero dell’area della Via Don Blasco.

La demolizione odierna di ulteriori tre manufatti per un totale di circa 600 metri quadrati è l’iter conclusivo di una lunga e complessa attività di polizia svolta nel corso degli anni,  mirata alla repressione delle occupazioni abusive  nonché a quelle giuridico/ amministrative finalizzate alla demolizione.

Uno dei manufatti era stato sgomberato soltanto qualche giorno fa dagli occupanti che lo detenevano senza alcun titolo concessorio  destinandolo a civile abitazione.