Home > Istituzioni > Federazione Italiana Vela > Hempel Youth Sailing World Championships penultimo giorno di regate

Tag in evidenza:

Hempel Youth Sailing World Championships penultimo giorno di regate

 Stampa articolo
Hempel Youth Sailing World Championships 2019
Hempel Youth Sailing World Championships 2019

Tre delle medaglie d’oro in palio per le classi presenti sono state assegnate già ieri, con un giorno d’anticipo sul gran finale.

advertising

I festeggiamenti sono partiti nella classe 420 dove i neozelandesi Seb Menzies e Blake McGlashan e le statunitensi Madeline Hawkins e Yumi Yoshiyasu si sono aggiudicati la medaglia d’oro rispettivamente tra gli equipaggi maschili e femminili. Oro già assegnato anche nei Nacra 15 dove gli australiani Will Cooley e Rebecca Hancock hanno un vantaggio di nove punti dal secondo che gli consente di laurearsi campioni del mondo senza aspettare domani.

L’azzurra Chiara Benini Floriani (FV Riva) si presenta all’ultimo giorno e all’ultima regata da prima della classe nei Laser Radial femminili, dove è seguita dalla spagnola Ana Moncada Sanchez e dall’israeliana Shai Kakon.

Nicolò Renna (CS Torbole), dopo due giorni passati in testa alla classifica degli RS:X maschili, si fa superare dal francese Fabien Pianazza, primo. Completa la classifica il greco Leonidas Tsortanidis.

Mantengono la quinta posizione Andrea Spagnolli (FV Malcesine) e Alice Cialfi (CV Ventotene) nei Nacra 15 in una classifica comandata dagli australiani Will Cooley e Rebecca Hancock (già vincitori della medaglia d’oro); dai francesi Titouan Petard e Marion Declef e dai tedeschi Silas Mühle e Levke Möller.

Sempre quarti, a pari punti con i terzi, gli azzurri dei 420 maschili, Demetrio Sposato e Gabriele Centrone (CV Crotone), preceduti dai neozelandesi Seb Menzies e Blake McGlashan, primi (già vincitori della medaglia d’oro), dagli spagnoli Martin Wizner e Pedro Ameneiro, secondo e dagli israeliani Tal Sade e Noam Homri, terzi.

Sono settime le sorelle Sofia e Marta Giunchiglia (CV Sferracavallo) nei 29er femminili. Le statunitensi Berta Puig e Isabella Casaretto sono prime seguite dalle maltesi Antonia e Victoria Schultheis, seconde e dalle svedesi Martina Carlsson e Amanda Ljunggren, terze.

Nei 29er maschili sono primi i norvegesi Mathias Berthet e Alexander Franks-Penty, seguiti dai finlandesi Ville Korhonen ed Edvard Bremer, secondi e dagli australiani Archie Cropley e Max Paul, terzi. Sono sempre 12esimi gli azzurri Zeno Santini e Marco Misseroni (CV Arco).

13esima piazza per le sorelle azzurre dei 420 femminili Carlotta e Camilla Scodnik (YC Italiano) in una classifica comandata dalla coppia statunitense formata da Madeline Hawkins e Yumi Yoshiyasu (già vincitrici della medaglia d’oro), alle cui spalle si piazzano le spagnole Neus Ballester e Andrea Perelló, seconde e le tedesche Theresa Steinlein e Lina Plettner, terze.

Negli RS:X femminili è sempre 12esima l’azzurra Marta Monge (CN del Finale). Le prime tre in classifica sono l’israeliana Linoy Geva, prima, la francese Heloise Macquaert, seconda e la russa Yana Reznikova, terza.

Scivola in 15esima posizione l’azzurro dei Laser Radial maschili Matteo Paulon (YC Cannigione) in una classifica dove si prende il primo posto l’australiano Zac Littlewood seguito dal polacco Tytus Butowski, secondo e dal turco Yigit Yalcin Citak, terzo.

Le ultime notizie di oggi