Home > Istituzioni > Federazione Italiana Vela > Vela: in archivio l'International Youth Cup

Vela: in archivio l'International Youth Cup

 Stampa articolo
Foto Gianluca di Fazio
Foto Gianluca di Fazio

Dopo tre intensi giorni di regate nel golfo di Gaeta che hanno coinvolto le squadre Under 19 di Italia, Russia e Francia, si è conclusa oggi la tappa italiana dell’International Youth Cup, il triangolare ideato dalla Federazione Italiana Vela assieme alla Russian Yachting Federation, organizzato a Formia dal Circolo Nautico Caposele.

Al contrario dei giorni precedenti, dominati da nuvole e pioggia, oggi le condizioni meteo sono state migliori, con un bel sole che ha illuminato il magnifico golfo di Gaeta, e anche l’elemento più importante, il vento, non è mancato, grazie all’entrata della termica locale. E così, dopo ora di pranzo, una bella brezza tra i 7 e i 10 nodi d’intensità ha consentito ai 69 giovani atleti divisi nelle classi 420, Laser Radial, 29er e tavola a vela RS:X di disputare le ultime prove di flotta in programma, determinanti per assegnare le vittorie di classe, visto che il trofeo dell’International Youth Cup era già stato conquistato ieri dalla Francia, che si era imposta su Italia e Russia nelle sfide corse con la formula del Team Race.

Un successo che ha galvanizzato ulteriormente i transalpini, che si sono imposti in quattro classi su sette, con vittorie di Nael-Tygdat nei 29er (Zampiccoli-Cisté terzi, Amonti-Massara quinti e Gambarin-Gambarin seste), di Berenice Mege nell’RS:X femminile (seconda Giorgia Speciale, quinta Giulia Alagna e settima Enrica Schirru), di Titouan Le Bosq nell’RS:X maschile (Matteo Evangelisti terzo, Francesco Tomasello quinto e Carlo Ciabatti sesto) e Louise Cervera nel Radial femminile (Francesca Bergamo seconda, Carolina Albano terza e Federica Cattarozzi settima). Gli azzurri si sono imposti nel 420 donne, grazie all’equipaggio Ferrari-Ieraldi (Stalder-Esperi seconde e Rio-Coluzzi quarte) e nel Laser Radial maschile, classe dominata dagli italiani, con primo posto per Gianmarco Planchestainer, secondo per Umberto Jose Varbaro e terzo per Paolo Giargia, mentre per la Russia è arrivato solo un successo, nel 420 maschile con Ushkov-Zubkov (Ferraro-Orlando secondi, Totis-Zanni terzi e Zerbin-Maccarone quinti).

La squadra Azzurra è stata seguita a Formia dal DT dell’attività giovanile della FIV Alessandra Sensini e dai Tecnici federali Chicco Caricato, Mauro Covre e Gigi Picciau.