Home > Istituzioni > Federazione Italiana Vela > Vela: Campionato Italiano Classi Olimpiche di Napoli, day 3

Vela: Campionato Italiano Classi Olimpiche di Napoli, day 3

 Stampa articolo
La terza giornata del Campionato Italiano Classi Olimpiche di Napoli, foto Taccola
La terza giornata del Campionato Italiano Classi Olimpiche di Napoli, foto Taccola

Giornata lunga, intensa e soprattutto molto soddisfacente oggi a Napoli, dove finalmente, dopo due sfortunati giorni in cui il vento si era fatto vivo a tratti, consentendo solo ieri la disputa di una serie di regate ma non per tutte le classi, gli oltre 250 atleti impegnati nel Campionato Italiano Classi Olimpiche hanno incontrato condizioni meteo all’altezza della fama del golfo partenopeo. Vento e regate, quindi, per tutte le undici classi impegnate nella rincorsa agli ambiti titoli Italiani, ma soprattutto, oltre al piacere di veder finalmente sorridere gli stessi protagonisti al rientro a terra, uno spettacolo straordinario che centinaia di persone hanno avuto la fortuna di poter osservare dall’ampia e frequentata zona pedonale in cui è stato trasformato il Lungomare Caracciolo, una sorta di festival della vela caduto proprio nel giorno in cui tutta Napoli festeggia San Gennaro.

Si tratta, a tutti gli effetti, della prima giornata “piena” di questo Campionato Italiano Classi Olimpiche organizzato da un Comitato coordinato dalla V Zona FIV e formato dai tre Circoli nautici più antichi della città (Circolo del Remo e della Vela Italia, Reale Yacht Club Canottieri Savoia e Club Nautico della Vela) con sede a Santa Lucia, una giornata che era iniziata come le precedenti, con afa, foschia e bonaccia a farla da padrone, per poi trasformarsi, a metà pomeriggio e con gran parte delle flotte già in acqua da diverse ore, nell’esatto opposto, con una brezza tra gli 8 e i 10 nodi che ha fatto la gioia di partecipanti, organizzatori e pubblico, consentendo a tutte le classi di disputare tutte le regate in programma per oggi.

Ricordiamo che la base logistica del CICO è stata allestita presso la Rotonda Diaz, dove è stato organizzato, con il supporto logistico del Tennis Club Napoli, un Villaggio della regata di oltre 5000 mq destinato ad accogliere atleti, dirigenti, accompagnatori e appassionati, mentre le competizioni si svolgono nello specchio d’acqua compreso tra Castel dell’Ovo e Posillipo. Il Comitato di circoli formato dal Circolo del Remo e della Vela Italia, Reale Yacht Club Canottieri Savoia e Club Nautico della Vela, può inoltre contare sulla collaborazione del Circolo Nautico Posillipo, Circolo Nautico Torre del Greco, Mascalzone Latino Sailing Team, Peepul Sport, Lega Navale Italiana di Pozzuoli, Black Dolphin, Lega Navale Italiana di Castellammare di Stabia, Yacht Club Capri, Lega Navale Italiana di Salerno, Gli Amici del mare, Circolo Nautico Sapri e Marina di Arechi.

A seguire i primi tre di ogni classe (classifiche complete su www.velaincampania.it), escluse le classi Laser Standard e Radial, le cui graduatorie al momento sono ancora in fase di elaborazione.

 

49er 1.Tita-Cavalli (3-2-3-5-1); 2.Plazzi-Molineris (5-3-1-2-3); 3.Dubbini-Dubbini (OCS-7-2-1-5).

 

49er FX 1.Conti-Clapcich (1-2-1-1-2); 2.Raggio-Bergamaschi (2-1-2-2-1).

 

Nacra 17 1.Bissaro-Sicouri (2-1-1-1-1); 2.Porro-Micol (1-2-5-2-2); 3.Bressani-Banti (3-3-2-3-3).

 

RS:X uomini 1.Mattia Camboni (2-1-1-3-1-2); 2.Federico Esposito (1-2-2-1-2-3); 3.Daniele Benedetti (4-5-3-2-3-1).

 

RS:X donne 1.Laura Linares (1-1-3-2-1-3); 2.Marta Maggetti (2-3-2-4-2-1); 3.Flavia Tartaglini (3-4-1-1-4-5).

 

RS:X youth 1.Matteo Evangelisti (2-1-4-1-4-1); 2.Francesco Tomasello (1-2-1-6-6-2); 3.Antonino Cangemi (3-4-3-2-1-4).

 

470 uomini 1.Ferrari-Calabrò (1-1-4); 2.Capurro-Puppo (2-3-1); 3.Savoini-Savoini (9-2-6).

 

470 donne 1.Berta-Carraro (4-6-9); 2.Di Salle-Dubbini (3-15-3); 3.Zorzi-Caruso (8-5-10).

 

Finn 1.Simone Ferrarese (1-4-2); 2.Giorgio Poggi (3-3-1); 3.Enrico Voltolini (5-6-4).

 

2.4 mR 1.Antonio Squizzato (1-1-2-1); 2.Daniele Malavolta (2-5-1-4); 3.Pasquale Lapera (4-3-6-3).

 

 

LE DICHIARAZIONI

Matteo Puppo (a prua del 470 portato da Matteo Capurro)

“Finalmente abbiamo regatato ed è la cosa più importante dopo che i primi due giorni, per noi del 470, si erano chiusi senza regate… Siamo contenti, è andata bene, la lotta con Ferrari-Calabrò è sempre difficile e domani sarà la giornata decisiva, quindi daremo il massimo. Regatare qui a Napoli è davvero fantastico, noi siamo di Genova, siamo abituati a scendere in acqua con una città dietro, ma lo spettacolo del golfo di Napoli è eccezionale”.

 

Federico Esposito (RS:X uomini)

“Tre prove oggi, in condizioni diverse di vento, una giornata intensa quindi, ma finalmente divertente: con Mattia Camboni siamo lì, ma anche Daniele ha recuperato nell’ultima prova, quindi domani sarà difficile per tutti e la lotta per il titolo è ancora aperta. Loro sono giovani, io ho più esperienza, in acqua lottiamo con il coltello tra i denti, ma a terra tra di noi c’è sempre un clima estremamente positivo”.

 

Benedetta Di Salle (al timone del 470 con a prua Alessandra Dubbini)

“Anche per noi è stata una giornata positiva, soprattutto perché è arrivato il vento e finalmente abbiamo potuto fare ciò per cui siamo venuti qui a Napoli. Per quanto riguarda i risultati, siamo seconde in generale, quindi va bene, ma fatico a digerire il 15mo nella seconda prova del giorno, una regata in cui abbiamo commesso qualche errore di troppo”.