Home > Istituzioni > F.I.S.W. > Sci Nautico Paralimpico: 10 medaglie individuali e il bronzo di squadra

Tag in evidenza:

Sci Nautico Paralimpico: 10 medaglie individuali e il bronzo di squadra

 Stampa articolo
Sci Nautico Paralimpico
Sci Nautico Paralimpico

Conclusi i Campionati Mondiali Sci Nautico Disabili 2017 disputati in Australia a Myuna Bay dal 26 al 30 aprile, la Squadra italiana, in arrivo oggi a Malpensa, potrà festeggiare le vittorie mondiali sapendo di essere riuscita un’impresa di notevole difficoltà il cui successo non e’ stato mai, in alcun momento dato per scontato.

advertising

La professionalità, il talento, la consapevolezza e l’umiltà degli atleti e del tecnico nazionale hanno reso possibile un’altra impresa di questa formazione che non delude mai e che ad ogni competizione risveglia apprensione e attenzione straordinari da parte del “mondo” dello sci nautico italiano.

I numeri sono più significativi delle parole: medaglia di bronzo di Squadra dietro a Australia e Stati Uniti, che si sono presentati con “squadroni” numerosi , capaci di portare tanti punti, anche in virtù del numero delle presenze. L’Italia è‘ sul podio mondiale anche quest’anno, podio da cui non è mai scesa, dal 2009, conquistando il bronzo nel 2015, l’argento nel 2013,2011 e 2009.

Le medaglie singole sono quelle del supercampione Daniele Cassioli , categoria Vision Impaired,che si conferma l’atleta disabile più forte al mondo a prescindere dalla categoria di disabilità: Daniele vince 5 medaglie d’oro, così come nel 2015 e nel 2013, governa la classifica di Slalom con 3boe a 13 metri di corda, vince le Figure stabilendo il record mondiale: 2140 punti, infine dà il meglio anche sul trampolino con un salto di 17 metri. Grazie a queste vittorie Cassioli ottiene le medaglie d’oro delle classifica di Combinata e Combinata atleti, totalizzando 5 medaglie di metallo prezioso.

Nella stessa categoria, Vision Impaired, ha gareggiato il lecchese Uber Riva che ottiene una meritata medaglia di bronzo in Figure, specialità prediletta che lo ha visto salire regolarmente sul podio delle passate edizioni dei Campionati Mondiali.

E’ stata una gara difficile quella che ha portato al comasco Pietro De Maria la medaglia d’argento nello slalom maschile categoria “seduti”. Questa è da sempre la categoria più partecipata caratterizzata da forte concorrenza e tensione altissima, elementi che non hanno impedito al campione del mondo del 2015 di dominare la scena con una bella prestazione, 5,50/40 che gli è valsa la medaglia d’argento. L’Oro è andato al collo dell’australiano Jason Sleep, medaglia di bronzo nel 2015.

Bravissima Sabrina Bassi, che nello “scontro” diretto con la sciatrice francese di grande esperienza Delphine La Sausse resiste conquistando 3 boe a 43 e conquista la medaglia d’argento. Quarto posto invece per Sabrina nella specialità Figure, forse tradita dall’emozione l’atleta legnanese non ha mantenuto nella finale il livello mostrato nelle eliminatorie.
Due medaglie d’argento per Christian Lanthaler, categoria Standing, l’atleta di Bolzanoha duellato con un compagno di categoria ben conosciuto, il campione statunitense Craigh Timm, deciso a non abdicare il titolo di campione del mondo in slalom e deciso a conquistare l’oro anche in Salto. Christian conclude la sua gara con un bel salto di m 21,5 ottenendo in seconda posizione in entrambe le specialità e conquistando 2 medaglie d’argento che si sommano ai tanti titoli vinti nella lunga carriera di atleta di sci nautico e sci alpino.

Il Presidente della FISW , Luciano Serafica, commenta felice “In alto i calici per i nostri ragazzi che festeggiano il terzo posto di squadra. Una squadra unita e forte che onora sempre al meglio i colori dell’Italia."

Le ultime notizie di oggi