Home > Istituzioni > F.I.S.W. > Sci Nautico: la squadra Paralimpica pronta a partire per l’Australia

Tag in evidenza:

Sci Nautico: la squadra Paralimpica pronta a partire per l’Australia

 Stampa articolo
Campionati Mondiali di Sci Nautico Disabili 2017  squadra azzurra
Campionati Mondiali di Sci Nautico Disabili 2017 squadra azzurra

Partirà  il 16  aprile, il giorno di Pasqua la squadra azzurra impegnata nei Campionati Mondiali di Sci Nautico Disabili 2017 che apriranno i battenti il  giorno 26 a Myuna Bay (Nuovo Galles del Sud), Australia  per concludersi domenica 30 aprile.

Gli azzurri Daniele Cassioli (Gallarate –VA), Sabrina Bassi (Legnano –MI), Pietro De Maria  (Mezzegra –CO), Uber Riva  (Vercurago –LC) e Christian Lanthaler (di Tirolo -BZ), capitanati dal tecnico nazionale Daniele D’Alberto, partiranno da Malpensa alla volta di Sydney per proseguire fino al Centro sportivo ricreativo  di Myuna Bay, sede dei Mondiali.
Daniele D’Alberto, milanese, tecnico della Squadra Disabili dal 2009, con una solida esperienza nell’allenamento giovanile, è soddisfatto del lavoro svolto in queste poche settimane, da quando le condizioni meteo hanno consentito agli atleti di entrare in acqua. “Rispetto a quello che potevo sperare di fare in poco più di un mese e mezzo di tempo, quello che è stato fatto ha del miracoloso” esordisce D’Alberto. “Abbiamo sfruttato la situazione favorevole al 100%,  complici le condizioni meteo anomale perché particolarmente miti, ci siamo avvicinati al top della forma.

Siamo avanti nella preparazione, i risultati in allenamento  hanno superato lo standard,  diciamo che siamo al 90% e ci aspetta ancora 1 settimana di allenamento sul piano d’acqua della gara. Sul Lake Macquarie testeremo tutto il nostro lavoro, calibreremo l’allenamento  sulle  condizioni locali  e daremo la  rifinitura alla preparazione”. 

“Ringraziamo  Bac Technology”, continua D’Alberto,  “azienda italiana di apparecchi elettromedicali  che a seguito della richiesta di Daniele Cassioli, ha messo a nostra disposizione, gratuitamente, per il periodo di trasferta  una tecar  per tecarterapia, apparecchio utilissimo per il recupero muscolare degli infortuni che potrebbero accadere prima della gara.” 

“Insomma, ce la giochiamo”, conclude D’Alberto, “ non improvviseremo e, come sempre, saremo protagonisti e competitivi”.