Home > Istituzioni > Agenzia del Demanio > Agenzia del Demanio: parte operazione Open Data

Agenzia del Demanio: parte operazione Open Data

 Stampa articolo
Recco
Recco

Chi vuole conoscere il numero e il valore dei beni pubblici sul territorio può ora navigare e scaricare le informazioni liberamente

 

Pubblicato su www.agenziademanio.it il sistema open data (dati.agenziademanio.it)

 

 

 

Roma, 31 luglio 2015 –  I dati sul patrimonio immobiliare dello Stato gestito dall’Agenzia del Demanio sono ora online nel nuovo sistema http://dati.agenziademanio.it in un forma aperta, trasparente e fruibile. Tutti coloro che sono interessati a conoscere il numero e il valore dei beni pubblici sul territorio possono ora navigare e scaricare le informazioni liberamente, in un formato aderente agli standard internazionali sugli open data.

 

Con il progetto OpenDemanio l’Agenzia mette a disposizione, attraverso una mappa dell’Italia navigabile, i dati consolidati annualmente nel Conto Patrimoniale dello Stato sulla base della tipologia, della categoria di appartenenza e della distribuzione degli immobili, anche aggregati per regione e provincia.

Questo primo set di dati sarà presto ulteriormente arricchito con informazioni di dettaglio sugli immobili e sui progetti in corso. La piattaforma, inoltre, verrà dotata di nuove funzionalità, come la georeferenziazione dei beni, per rendere sempre più immediata e completa la consultazione dei dati.

 

Il progetto OpenDemanio risponde ad una sempre più evidente esigenza di trasparenza delle Amministrazioni pubbliche e di apertura al dialogo con i cittadini. “Come Istituzione pubblica abbiamo un dovere di responsabilità e siamo convinti che solo da una piena collaborazione con tutti gli interlocutori pubblici e privati possano scaturire iniziative in grado di contribuire allo sviluppo dei territori nei quali i beni sono inseriti - ha dichiarato Roberto Reggi, Direttore generale dell’Agenzia del Demanio -. OpenDemanio serve anche a questo: è un ulteriore tassello dell’Agenzia nella costruzione di un rapporto di fiducia e aperto con  la cittadinanza e gli operatori del settore”.