Home > Designer > Zuccon International Project > Zuccon International Project presenta PY Heritage 45m

Zuccon International Project presenta PY Heritage 45m

 Stampa articolo

PY Heritage 45 M segna concretamente l’inizio della nuova collaborazione. Si chiama Heritage perché rende omaggio a Gerhard Gilgenast, uno degli architetti più importanti con cui Picchiotti Yachts ha collaborato in passato. Il nuovo motoryacht sarà un 45 metri che presenta alcuni dei tratti stilistici sviluppati in passato da Gilgenast, tradotti in un linguaggio più attuale.

PY Heritage 45 m
PY Heritage 45 m

Frutto di una forte attività di ricerca da parte dello studio Zuccon International Project, PY Heritage è un progetto decisamente innovativo dal punto di vista tipologico. Alcune caratteristiche infatti lo configurano in una nicchia non convenzionale: è al contempo un expedition yacht classico e un support vessel per i superyacht di Perini Navi.

La configurazione del layout permette di lasciare libera la maggior parte del ponte di coperta che nella zona di prua prevede l’alloggiamento di due tender (una barca a vela e una a motore, di nove metri ciascuna) e due moto d’acqua. PY Heritage si configura quindi come una piattaforma per il trasporto di toys, rispondendo alle crescenti richieste del mercato, che chiede di avere sempre più toys a bordo.

Un’altra particolarità si ritrova nella configurazione dei volumi interni. La sezione del ponte giorno, in particolare, è progettata con un’altezza terra-cielo di tre metri, a cui si aggiunge - nello stesso ambiente -l’uso estensivo del vetro, che semplifica la relazione con lo spazio esterno unendolo a quello interno senza soluzione di continuità.

PY Heritage 45 M: gli interni
PY Heritage 45 M: gli interni

La doppia funzionalità della barca ne definisce il linguaggio stilistico. Il designer ha lavorato per rievocare la classicità e l’eleganza delle linee per cui sia Perini Navi che Picchiotti Yachts sono rinomati, incorporando al contempo, con un approccio innovativo, alcuni volumi esterni dedicati ai toys. Gli spazi all’aperto diventano estremamente vivibili e – una volta varati i tender – la zona di prora si trasforma in un’ampia zona lounge che può essere sfruttata in continuità con gli ambienti interni e con il pozzetto di poppa, così da creare un’unica area completamente libera, dedicata interamente all’intrattenimento degli ospiti.

Le zone per l’armatore e quelle per gli ospiti sono tutte localizzate sul ponte inferiore. Qui l’armatore ha una grande suite con una terrazza privata nella zona di poppa. Non dovendo dedicare quell’area al garage, tutta quella zona è pensata per l’armatore che può godere così di un’incredibile terrazza sul mare.

«Non posso che essere estremamente onorato per questa nuova collaborazione», ha dichiarato l’architetto Bernardo Zuccon. «Picchiotti non ha bisogno di presentazioni perché ha costruito un grande pezzo della storia della nautica italiana e mondiale. Iniziare questo percorso è motivo di vanto per il nostro studio, per di più con un progetto sperimentale e affascinante che vuole essere un tributo a un architetto che ha contribuito rendere grande il marchio Picchiotti Yachts».