Home > Comunicazione > Press Mare > Enzo Cortesi assolto dall’accusa di bancarotta semplice e fraudolenta

Tag in evidenza:

Enzo Cortesi assolto dall’accusa di bancarotta semplice e fraudolenta

 Stampa articolo
Enzo Cortesi
Enzo Cortesi

Ci pare doveroso pubblicare la nota che segue sulla vicenda che ha visto coinvolto Enzo Cortesi, un imprenditore ben conosciuto agli addetti ai lavori del comparto nautico italiano.

advertising

È di pochi giorni fa la sentenza che assolve Enzo Cortesi, difeso dall’Avv. Giordano Anconelli del Foro di Forlì, dai reati di bancarotta semplice e bancarotta fraudolenta, reato, quest’ultimo, di cui il Pubblico ministero aveva chiesto la derubricazione: si legge nella motivazione della pronuncia “che il fatto non sussiste” per un capo e “il fatto non costituisce reato” per l’altro.

Fondatore e Presidente di CCLG SPA, società che ha operato con successo per decenni nel settore della nautica, costruendo sistemi elettrici e domotici per yacht e navi da diporto, è stato per lunghi anni anche Presidente nazionale di Cna Produzione Nautica, raggruppamento delle imprese della subfornitura nautica.

CCLG introducendo elementi di grande innovazione nel proprio comparto, aveva raggiunto un eccellente posizionamento sul mercato, giungendo ad essere fornitore primario di molti Cantieri, tra cui Ferretti Group, Azimut, Cranchi, Cantiere del Pardo, Wally.

A seguito della crisi del settore, CCLG aveva incontrato gravi problemi, anche in considerazione del ricorso a procedure concordatarie di molti primari cantieri committenti, crisi sfociata, poi, nel fallimento della società.

Con la pronuncia di pochi giorni fa, dunque, il Tribunale di Forlì chiude la vicenda con l’assoluzione da tutti i reati ascritti a Enzo Cortesi. Un lieto fine che non ripaga l’imprenditore per il difficile periodo vissuto, ma al quale abbiamo deciso di dare opportuna risonanza per contribuire alla rapida riabilitazione morale dell’uomo.

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare