Home > Comunicazione > Press Mare > Prada Cup: Luna Rossa Prada Pirelli avanti 5 a 1 su Ineos Team UK

Prada Cup: Luna Rossa Prada Pirelli avanti 5 a 1 su Ineos Team UK

 Stampa articolo
Prada Cup
Prada Cup

Le polemiche che hanno preceduto regata 5 e 6 della fase finale della Prada Cup, non hanno scalfito la consistenza di Luna Rossa Prada Pirelli, dominatrice indiscussa della serie finale svolta finora, anche se Ineos Team UK è riuscita finalmente a vincere una prova, la seconda, lasciando la prima agli italiani: 1 a 1 il risultato di giornata, che porta lo score complessivo sul 5 a 1 a  favore di Luna Rossa. Ancora una volta riuscire a vincere la partenza si è dimostrato il fattore determinante per portare a casa il punto della vittoria, perché le opzioni di recupero sono limitate da una serie di fattori, tra cui i confini virtuali, i boundary, pensati per tenere vicine le barche e aumentare lo spettacolo televisivo.

advertising

La prima regata, disputata con un vento leggero, circa 11 nodi, e abbastanza costante ha evidenziato con quanta voglia e necessità di vincere si sia presentato il pozzetto inglese, che ha cercato immediatamente di mettere grande pressione a quello italiano. L’accresciuta aggressività nelle fasi di partenza di Sir Ben Ainslie e Giles Scott, rispettivamente timoniere e tattico di Britannia, ha portato a una partenza leggermente anticipata per entrambi i team con conseguente penalità a tutte due le barche che non ha dunque penalizzato nessuno.  Il triumvirato di Luna Rossa, Checco Bruni e James Spithill timonieri, con Pietro Sibello randista e al contempo tattico ha subito attaccato con manovre spettacolari dal lato sinistro del campo Team UK , portandosi al comando già alla prima boa di bolina, nonostante un piccolo vantaggio iniziale di Britannia.

Prada Cup Final, partenza race 5
Prada Cup Final, partenza race 5

Luna Rossa ha dimostrato di essere perfettamente a suo agio con vento leggero e confermato la superiorità in manovra, soprattutto nelle virate che le consentono una migliore performance di bolina. Una volta preso il comando il team italiano ha allungato il suo vantaggio senza più dare alcuna chance di rimonta a quello inglese, dimostrando inoltre ottima strategia anticipando e rintuzzando ogni tentativo britannico di trovare spiragli per avvicinarsi. Il momentaneo 5 a 0 ha lasciato pensare che si potesse assistere all’ennesima débâcle inglese, che la giornata fosse ormai in discesa per Luna Rossa. Anche perché Ben Ainslie nelle interviste andate in onda a caldo, subito dopo il termine della prova, aveva dovuto ammettere un deficit prestazionale della sua barca, con la conseguente necessità di prendersi dei rischi, ma ciò non è avvenuto.

Britannia
Britannia

Nella seconda regata di giornata, infatti, il "Sir" cinque volte medaglia olimpica ha fatto vedere di che pasta è fatto, tecnicamente ma anche in termini di personalità, riuscendo, nonostante la situazione da ultima spiaggia,ad aggiudicarsi  per la prima volta la partenza grazie a una maggiore velocità sulla linea allo scadere del countdown. Da lì in poi ancora match race e dunque virate ma non più così ravvicinate come era accaduto nella regata precedente, con il pozzetto inglese che è riuscito a gestire il vantaggio anche se Luna Rossa ha dimostrato nell'ultimo lato di bolina una grandissima capacità di recupero, avvicinandosi a Britannia e riaprendo la regata. Ma la barca inglese è rimasta sempre in una posizione di controllo, ottenendo con estrema caparbietà il suo primo punto con un vantaggio di soli 14 secondi. 

Luna Rossa
Luna Rossa

Domattina, sempre alle 04,00 italiane il via alla quarta giornata di finali della Prada Cup.

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare