Home > Comunicazione > Press Mare > Tommaso Chieffi, ottima Luna Rossa parte con una doppietta

Tommaso Chieffi, ottima Luna Rossa parte con una doppietta

 Stampa articolo
Prada Cup Final, Luna Rossa vs Ineos Team UK
Prada Cup Final, Luna Rossa vs Ineos Team UK

Prima giornata della finale di Prada Cup conclusa con un decisivo due a zero di Luna Rossa sulla barca avversaria Britannia.

advertising

Sono sembrate due regate facili, soprattutto la prima, dove la barca inglese è caduta dai foil alla prima strambata e non è più riuscita a riprendersi nei due minuti scarsi che la separavano dalla partenza. Luna Rossa ne ha approfittato partendo subito molto veloce e in vantaggio, da lì non è più stata impensierita, anche perché la brezza continuava a salire e quindi la possibilità di cadere a propria volta dai foil era molto improbabile.

Anche per loro, però, non deve essere stato tutto rose fiori perché, seguendo l’intervista di Checco Bruni, si capisce dalle sue parole che anche loro hanno avuto il timore di essere al limite su quella partenza, dove il vento era ancora molto bucato: perdere velocità e diventare una barca dislocante era un rischio effettivo!

Tommaso Chieffi
Tommaso Chieffi

Molto più avvincente la seconda prova corsa in condizioni che non privilegiano, almeno sulla carta, nessuno dei due team. Abbiamo infatti assistito a una partenza relativamente poco combattuta, forse anche perché i piani dei due team erano diversi, con gli inglesi contenti di partire attaccati sottovento verso il lato sinistro del percorso e Luna Rossa contenta della partenza classica di match race, sulla destra. Luna Rossa ha cercato di spingere la barca inglese verso la linea troppo presto, ma Britannia ha risposto dapprima costeggiando la linea dell’ostacolo e quindi chiudendo la possibilità a Luna Rossa di attuare il suo piano.

Dopo la partenza si è trattato di quello che gli inglesi chiamano una drag race, ovvero una gara di velocità verso la layline di sinistra, con Britannia che è riuscita nell’intento di far virare il suo avversario, il quale però si è presentato al successivo incrocio con il vantaggio delle mure e un leggero vantaggio sulla scala. A questo punto un altro split e al successivo incrocio Luna Rossa ha incrociato di misura davanti alla barca inglese, andandosi anche ad assicurare il giro sulla boa di destra che a livello di pressione e di corrente sembrava essere la strada da seguire.

Gli inglesi hanno provato a riaprire il gioco strambando subito, ma la mossa non ha pagato, e il vantaggio di Luna Rossa è aumentato intorno ai 250 m, che è un cuscino abbastanza agevole per mantenere il controllo della regata senza troppo stress.

Ineos Team UK, Prada Cup Final ph. COR36/Studio Borlenghi
Ineos Team UK, Prada Cup Final ph. COR36/Studio Borlenghi

A questo punto, dopo due regate, possiamo dire che Luna Rossa ha sicuramente colmato il gap di velocità con Ineos Team UK nelle condizioni di vento medio, mentre altrettanto non sono riusciti a fare gli inglesi in quelle condizioni in cui Luna Rossa è sempre stata favorita, ovvero il vento leggero e il marginal foiling. Ben Ainslie anche ammesso in conferenza stampa di aver probabilmente scelto il fiocco troppo grosso che sappiamo su queste barche veloci rappresenta uno svantaggio una volta che le barche si alzano in volo e raggiungono certe velocità. D’altro canto Bruni ha ammesso che si è trattato di una scelta molto difficile e che loro stessi sono stati indecisi fino all’ultimo sul fiocco da scegliere.

La scelta del fiocco più piccolo è stata alla fine corretta perché il vento è salito molto velocemente, probabilmente tra due barche molto uguali come performance è stato uno degli elementi che hanno contribuito alla vittoria finale.

Questa notte si correrà sul campo E, che è il più lontano, a ridosso dell’isola di Waikiki, per evitare onda troppo alta che si forma quando vento e corrente si scontrano. Saranno perciò regate corse in condizioni di vento più oscillante e meno regolare, anche se le previsioni danno un aumento dell’intensità vicino al limite alto previsto dal regolamento che, sappiamo, è stato abbassato al limite dei 21 nodi rispetto ai 23 originariamente previsti.

Entrambi i team sono decisi a darsi battaglia in condizioni che forse favoriscono Britannia, con un vento leggermente più forte e con cambi di direzione e intensità che potrebbero premiare la barca inglese, che ha un tattico dedicato; aspettiamoci quindi due matches molto avvincenti anche questa sera e speriamo che come sempre vinca il migliore.

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare