Home > Comunicazione > Press Mare > Wider punta a raccogliere 4,5 milioni di euro tramite un club deal

Wider punta a raccogliere 4,5 milioni di euro tramite un club deal

 Stampa articolo
Marcello Maggi
Marcello Maggi, alla guida di Wider Yacht

Wider, la Tesla del mare guidata da Marcello Maggi, punta a raccogliere 4,5 milioni di euro: un milione sarà impiegato per sostituire un socio di minoranza e gli altri 3,5 per sviluppare prodotto e tecnologia. Il denaro sarà raccolto tramite un club deal organizzato da Add Value, società del Gruppo AVM attiva dal 1992 e focalizzata sui club deal nei settori private equity, venture capital e real estate.

advertising

Lo ha spiegato ieri lo stesso Maggi durante uno nel corso di uno smart financial aperitif online, organizzato da Aifo (Associazione Italiana Family Office) per evidenziare ai suoi associati le sue scelte migliori di investimento dei suoi partner, tra cui rientra Add Value.

Un club deal è  un sindacato d’investimento tra quegli individui o quelle famiglie molto facoltose che fanno parte dei cosiddetti High Net Worth Individual (persone che possiedono un elevato patrimonio). Essi si riuniscono in gruppi per effettuare investimenti in imprese, al fine di sostenerne lo sviluppo e l’internazionalizzazione, realizzando al contempo un guadagno che vada ad incrementare il proprio patrimonio e a remunerare il rischio.

WIDER 165 M/Y Cecilia
WIDER 165 M/Y Cecilia

Wider è un cantiere nautico con sede ad Ancona operante nel segmento dei super-yacht (superiori ai 30 metri), pioniere della propulsione ibrida. Quest'ultima consente il raggiungimento di notevoli performance con significative riduzioni di consumi ed emissioni  (-80%, ma punta ad azzerarle nei prossimi 5-8 anni) e minori livelli di vibrazione e rumore. L'ingegnerizzazione spinta del sistema propulsivo di bordo ha permesso un'ottimizzazione degli spazi con aumento delle superfici vivibili a bordo e maggiore comfort delle cabine. Wider è stata fondata nel 2010 da Attilio Antonelli, ex presidente della Pershing. Nel 2013 Exa Ltd ha acquisito metà del capitale di Wider, che nel 2014 ha iniziato la costruzione della prima barca ibrida al mondo (W165). Nel 2015 ha varato la W150 (Bartali) e nel 2017 un nuovo yacht di 130’. Nel 2017 Exa è salita al 100% di Wider, che nel 2018 ha varato la W165 (Cecilia). Nel luglio 2019 la Nautical Hybrid Tech di Marcello Maggi ha acquisito il 100% di Wider.

Wider 180
Wider 180

Maggi ha esercitato sue stock option nel 2000 ed è uscito dal cantiere nautico CRN. L'anno seguente ha creato il cantiere ISA, leader nella costruzione di mega yacht. Nel 2015 ha ceduto le sue quote di quest'ultima e nel 2019 è stato coinvolto nella valutazione della possibile acquisizione di Wider, che poi ha comprato. La presenza di Maggi è un punto di forza per l'azienda, che vanta anche grande visibilità nel settore dello yachting, un management team molto competente, giovane, motivato e leale, un marchio molto riconoscibile e un'attività pluripremiata per l’esclusiva propulsione ibrido-elettrica seriale. Wider si propone come società tecnologica. La sua tecnologia potrà essere applicata a navi da diporto o da trasporto ed è già compliant a eventuali leggi future più stringenti sulle emissioni.

Lo schema del sistema diesel elettrico installato sul Wider 150
Lo schema del sistema diesel elettrico installato sul Wider 150 "Bartali" di Wider Yachts

L'azienda ha risentito del rallentamento economico dovuto al coronavirus, ma vanta anche clienti consolidati. Nel 2023 Wider punta a lanciare la sua prima unità che utilizza il convertitore termoionico, dove ha licenza esclusiva per il settore navale e che ha presentato per la prima volta lo scorso febbraio, durante la prima giornata del Superyacht Design Festival di Cortina d’Ampezzo (Veneto, Italia). Il cantiere marchigiano, probabilmente, sarà in grado di applicare questa nuova tecnologia già sulle prossime imbarcazioni in progetto, ovvero Wider 180 e Wider 135. Le leggi per la riduzione dell’inquinamento sono sempre più stringenti e, già dal prossimo anno, se non si è conformi con quanto previsto dalla IMO TIER III, sarà proibito l’accesso ad alcune aree marine del mondo (dette ECA – Emission Control Areas). E il Wider 180, prossimo alla costruzione, è già conforme. Nel 2026 Wider intende applicare l'idrogeno a un progetto pilota, in collaborazione con aziende specializzate nella propulsione a idrogeno in altri settori.

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare