CRN racconta nuovi dettagli del megayacht M/Y 138 62 m

CRN racconta nuovi dettagli del megayacht M/Y 138 62 m

Close

L’ultima creazione del cantiere navale CRN di Ancona, cuore della divisione superyacht del Gruppo Ferretti, è il megayacht  numero 138 di 62 metri, attualmente in costruzione. Lo yacht è il risultato della collaborazione tra CRN, OmegaArchitects, che ha curato lo styling degli esterni, e Pulina Exclusive Interiors, che ha disegnato e curato gli interni.

advertising

CRN M/Y 138 è connotato da linee filanti e distese, segno  della cifra stilistica di Frank Laupman, alla guida dello studio olandese Omega Architects, e dalla prua dritta, secondo le ultime tendenze estetiche nel settore. La grande e variegata esperienza dello studio pisano di design e architettura Pulina Exclusive Interiors ha saputo declinare negli spazi interni la sua passione per l’arte, la tecnologia e l'eleganza combinate a un'attenzione per il minimo dettaglio applicate all’interior design con qualità sartoriale su misura.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, gli esterni sono dello studio Omega Architects di Frank Laupman

Il megayacht, 62 metri di lunghezza fuori tutto e 11,20 metri di baglio massimo, si sviluppa su quattro ponti e può accogliere 15 membri di equipaggio e fino a quattordici ospiti tra la suite armatoriale e le sei cabine: due vip, di cui una posta sul ponte di coperta e una sul ponte inferiore, e quattro cabine ospiti sul ponte inferiore.

Completamente custom, come tutti i megayacht CRN, la costruzione 138 riflette una concezione evoluta e contemporanea dell’abitare, dove il comfort è nobilitato da dettagli ricercati e sofisticati, in un’alternanza di materiali preziosi e colori dai toni chiari, caldi e naturali con accenti scuri.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, main salon

I legni principali utilizzati sono l’abete bianco laccato e spazzolato e il rovere decapato. I marmi, Crema d’Orcia e Sahara Noir, riprendono l’alternanza di sfumature chiare predominanti e note più cariche. Ampie finestrature a tutta altezza regalano suggestivi giochi di riflessi e di luce e un costante e diretto contatto con il mare.

Le numerose vetrate del salone principale sul ponte di coperta che si affacciano all’esterno e una superficie a specchio con giochi di prospettive a prua donano luce agli ambienti e una percezione di dilatazione dei volumi. Il ponte ospita anche una cabina vip a prua, che può quasi essere considerata una seconda cabina armatoriale grazie alla sua dimensione di 70 metri quadrati.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, dining area, main deck

Caratteristica peculiare di CRN M/Y 138 è il ponte armatoriale: uno spazio estremamente ampio e versatile di 140 metri quadrati completamente dedicati all’armatore, composti dalla zona notte verso prua con vista a 180° e un vasto spazio all’aperto che può ospitare una zona spa-pool  e prendisole o in alternativa una stupenda zona dining con tavolo tatami.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, master suite

La suite armatoriale è un rifugio di 70 metri quadrati reso unico anche da un doppio bagno dove spicca una grande vasca accostata alle vetrate. Verso poppa una sky lounge regala armoniose simmetrie: può essere adibita ad area conviviale, sala cinema e accogliere lo studio privato dell’armatore. Concepita per una dinamica relazione interno-esterno, offre sul ponte anche un’area pranzo riservata all’aperto.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, master suite

Tutto il ponte assicura la completa privacy dell’armatore in quanto la plancia di comando posta sul ponte timoneria, non ha visibilità sul ponte sottostante.

La vocazione alla totale privacy di questo ponte è rafforzata ulteriormente dalla progettazione dell’area di ormeggio sottostante concepita in modo che il personale addetto alle manovre non debba accedervi transitando dagli ambienti dedicati all’armatore ma direttamente dalla zona equipaggio.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, il living della beach area

Il ponte inferiore, oltre a prevedere le cabine ospiti, ha una vocazione al benessere grazie all’esclusiva area living integrata al beach club dove si può fruire dei benefici dell’hammam, della doccia cromo-terapica, della sala massaggi e di un’area fitness.

Del CRN M/Y 138 ne parliamo con i responsabili della costruzione.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, a poppa del main deck

PressMare: Avete già lavorato con Omega Architects e Pulina Exclusive Interiors?

CRN: Omega aveva già lavorato con noi per l’iconico Yalla (2014), ma ogni progetto ha ovviamente le sue peculiarità. L’ispirazione della 138 sono i progetti Oceansport, di Omega Architects , ma customizzato sulle esigenze dell’armatore.

Per la costruzione del 138 Pulina Exclusive Interiors ha sviluppato raffinate atmosfere da villa sul mare, dai toni rilassanti, utilizzando colori chiari con accenti scuri. La sua grande capacità di personalizzare ha reso lo yacht un’opera davvero unica.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, a poppa dell'upper deck

PM: CRN collabora con i più importanti architetti e designer internazionali. Cosa ha contraddistinto la collaborazione con Omega Architects?

CRN: Omega Architect ha già lavorato con noi e ha saputo combinare alla perfezione le necessità tecniche con la visione e scelte estetiche dell’armatore.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, la dining area esterna

PM: Quali contenuti innovativi ci sono in questo 138?

CRN: Le impavesate ribassate per dare luce al salone e offrire agli ospiti una spettacolare vista panoramica; i fashion plate laterali che partono dalla piattaforma di poppa e salgono al ponte di coperta, non sono un semplice esercizio stilistico, ma costituiscono dei fascioni laterali che consentono privacy all’interno del pozzetto poppa.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, lo sky lounge

Il ponte armatore riservato con vetrate a piena altezza e che allo stesso tempo garantisce la massima privacy poiché le parte prodiera non è in vista dalla timoneria e il ponte manovre sottostante è accessibile solo dal quartiere equipaggio.

PM: Prua dritta, vetri verticali. Il perché di questa scelta.

CRN: La carena a prua dritta è un’espressione della spiccata personalità sportiva dello yacht. È una carena con bulbo nonostante la prua dritta, provata con CFD per perfezionare comportamento e comfort. I vetri verticali sono stati scelti a tutta altezza per inondare di luce gli interni e accentuare la relazione interno / esterno che connota tutto il progetto.

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, il sun deck

PM: Ci sono componenti disegnati o concepiti espressamente per questo 138?

CRN: In uno yacht custom tutto è progettato appositamente, portelloni, passerelle, scale reali, aperture, movimentazioni. Inoltre, sulla 138 è stato disegnato e realizzato un garage prodiero concepito per ospitare un tender particolare: un motoscafo Riva Iseo.

Roberto Franzoni

CRN M/Y 138
CRN M/Y 138, lo sky lounge

SCHEDA TECNICA

Lunghezza f.t.: m 62 - Larghezza massim:a m 11.20 – Immersione: m 3,10 – Stazza: GT 1.160 – Riserva combustibile: l 130.000 – Riserva acqua: l 30.000 - Produzione acqua dolce giornaliera: l/dì 19.200 – Motori: 2 x Caterpillar 3512C ACERT IMO TIER III – Potenza: kW 1230 @1800 giri/min. - Velocità massima: nodi 15 - Velocità di crociera (@ 85%MCR): nodi 14 - Autonomia a 12 nodi: miglia 4.300 - Architettura navale: CRN Shipyard - Design esterno: Omega Architects - Design interni: Pulina Exclusive Interiors – Classe: Lloyd’s Register of Shipping LR 100 – A1 – SSC – YACHT, MONO, G6, [✠]LMC, UMS LY3 Statement of Compliance