Home > Comunicazione > Press Mare > Neil Pryde trasferisce la proprietà intellettuale dell’RS:X all’associazione di classe

Neil Pryde trasferisce la proprietà intellettuale dell’RS:X all’associazione di classe

 Stampa articolo
Mattia Camboni, evento di Sorrento, Australia 2020
Mattia Camboni, evento di Sorrento, Australia 2020

NeilPryde Ltd. ha deciso di trasferire la proprietà intellettuale dell’attrezzatura RS:X alla International RS:X Windsurfing Class Association.

advertising

Questa decisione si è resa necessaria per poter garantire all’ equipaggiamento di poter continuare ad essere prodotto, anche dopo le olimpiadi di Tokyo 2021.
Durante il blocco mondiale di Covid-19, la RS:X Class Association ha continuato a lavorare per supportare i suoi iscritti nella risoluzione di alcune problematiche e  di diverse questioni, inerenti la discussa decisione del comitato della World Saling di sostituire l’attrezzatura olimpica con la differente tavola IQ foil di Starboard.

La preoccupazione principale, riguarda la fornitura agli atleti che per Tokyo 2020 (che si terrà il 2021) si dovranno addestrare su un’attrezzatura nuova e continuare i loro processi di apprendimento su questa attrezzatura. 

Oltre a ciò, NeilPryde, che ha supervisionato la produzione della RS: X per 4 cicli olimpici, ha cercato di abbandonare l'opzione del singolo produttore verso un mercato aperto a più costruttori. 

Ciò riflette anche le preoccupazioni dell’antitrust che hanno dominato la discussione nella World Sailing negli ultimi due anni.

Pertanto NeilPryde ritiene che sia giunto il momento giusto per trasferire la proprietà intellettuale di RS:X all'associazione di classe e attivare un processo di selezione per più produttori, designati dalla classe RS:X; a condizione che vengano mantenute la coerenza, la qualità e il posizionamento di prezzo. Questo trasferimento di proprietà intellettuale, dà alla classe e ai suoi atleti il controllo su chi sta costruendo le proprie attrezzature. Qualunque sia il futuro per la classe, questo nuova struttura sarà in grado di adattarsi meglio alle mutevoli circostanze.

In base all'accordo, la produzione continuerà in collaborazione con i fornitori esistenti di tavole, alberi, vele e bomi. 
I produttori incaricati forniranno il prodotto direttamente ai distributori, diventando responsabili della qualità del prodotto. NeilPryde Ltd. rimarrà parte di questo gruppo di produzione, per la costruzione delle vele nella sua fabbrica cinese, dove è specializzata nella produzione di alta qualità.

Llilian de Geus arriva prima nella finale Australiana 2020
Llilian de Geus arriva prima nella finale Australiana 2020

Gli atleti potranno continuare ad acquistare le attrezzature dal proprio distributore locale e trarranno vantaggio da una riduzione media dell'8% dei prezzi al dettaglio.
La RS:X Class sta guardando ai prossimi 12 mesi e oltre, poiché il rinvio dei giochi olimpici di Tokyo offre comunque diverse opportunità. La Classe tiene d'occhio i suoi eventi in linea con l'intero calendario velico per garantire che quando le regate ricominceranno, non ci saranno sovrapposizioni. 

Questo poiché diversi windsurfer RS:X stanno cominciando a ricevere le loro attrezzature iQFoil, quindi assicurarsi che gli eventi RS:X non si sovrappongano ad altri eventi, che coinvolgono l’attrezzatura foil, per esempio, garantirebbe agli atleti di potersi concentrare meglio sulla preparazione delle olimpiadi, inoltre mantenere un buon rapporto qualità-prezzo dell’attuale attrezzatura garantirebbe alla classe una più lunga sopravvivenza.

Partenza della finale di Sorrento, Australia 2020
Partenza della finale di Sorrento, Australia 2020

La Classe RS:X è stata inoltre invitata a presentare un'offerta di equipaggiamento da parte della World Sailing per i Giochi Olimpici della Gioventù del 2022, che si terranno in Senegal. La classe lo sta prendendo in seria considerazione, insieme alla più ampia comunità del windsurf interessata a partecipare a questa competizione con l’attuale attrezzatura.

Infine, la RS:X Class Association spera che i suoi windsurfer, allenatori e sostenitori, ovunque si trovino nel mondo, siano in salute e di vederli sempre più spesso in acqua.

Marco Cristofari

Le ultime notizie di oggi