Home > Comunicazione > Press Mare > Circolo Velico Ravennate compie 70 anni: un libro racconta la storia

Circolo Velico Ravennate compie 70 anni: un libro racconta la storia

 Stampa articolo
La copertina del libro "La storia del Circolo Velico Ravennate"
La copertina del libro "La storia del Circolo Velico Ravennate"

È stato recentemente pubblicato un libro che potrà sicuramente appassionare tutti coloro che conoscono, hanno frequentato e frequentano il Circolo Velico Ravennate, ma più in generale tutti gli appassionati di mare e di vela. Nel volume “La Storia del Circolo Velico Ravennate”, infatti, viene non solo illustrata la time line che ripercorre la vita di un famoso circolo, ma c’è il racconto di storie e personaggi che hanno segnato in maniera indelebile la vela italiana in termini di passione e di sport.

advertising

Fondato il 16 Luglio 1949 da un gruppo di giovani poco più che ventenni, il Circolo Velico Ravennate ha dato vita a uno dei circoli velici più attivi d’Italia che ha avuto tra i propri soci personaggi come Raul Gardini, Cino Ricci e Matteo Plazzi.

Gianguido Reggiani
Gianguido Reggiani primo presidente Circolo Velico Ravennate

Così viene raccontato, dal giornalista Manlio Guberti, come agli inizi degli anni 40 attecchì l’embrione di quello che sarebbe stato in seguito il circolo velico più importante dell’Adriatico: “Tutte le sere dalle sette alle sette e trenta è possibile vedere sotto i portici della nostra piazza adunarsi un piccolo gruppo formato sempre dalle stesse persone. Esse non si danno appuntamento ma si trovano invariabilmente alla stessa ora e nello stesso punto e parlano e discutono sempre sugli stessi argomenti. Questo gruppo è formato da giovani: le loro età variano dai 18 ai 25 e più anni, la passione e l’ideale che li anima è una sola ed è grande: il mare.”

Circolo Velico Ravennate, inaugurazione sede a mare
Circolo Velico Ravennate, inaugurazione sede a mare

Gli anni cinquanta sono stati i più impegnativi per il circolo, che ha dovuto conquistare la fiducia della città e delle istituzioni, per potersi dotare di quello spazio di mare utile all’attività; basti pensare che agli inizi degli anni 50 esisteva ancora una darsena unica dove le poche imbarcazioni del circolo erano ormeggiate insieme a pescherecci e mezzi militari.

Ravenna, immagine darsena pescatori anni '50
Ravenna, immagine darsena pescatori anni '50

Con l’aumentare dei soci e il coinvolgimento dell’imprenditoria cittadina, anche la scuola vela si struttura e si dota di una flotta, che arriva ad essere, nel suo momento d’oro, di 67 barche così composte: 11 derive 420, 12 Flying Junior, 40 Optimist, 3 Europa e un Caravelle.

Il circolo in quegli anni vede passare i grandi nomi della vela che ancora oggi solcano i campi di regata più prestigiosi del mondo. Dal 1995 al 2007 nel Circolo, che ha sede al Marina di Ravenna, sono approdati una serie incredibile di talenti - Russell Coutts, James Spithill, Chris Dixson, Ed Baird, Dean Barker, Francesco de Angelis, Ben Ainslie, Flavio Favini, Peter e Magnus Holmberg ecc. - diventando così centro indiscusso per la pratica del match race, disciplina che oggi vede la sua massima espressione nell’America’s Cup.

Campionato Italiano Altura 2013
Campionato Italiano Altura 2013 – Marina di Ravenna- foto Fabio Taccola

Nella disciplina del match race era solito cimentarsi anche Raul Gardini che teneva ormeggiato al circolo uno splendido 9 metri disegnato da German Frers, un half tonner (quinta classe IOR), su cui i giovani velisti ravennati hanno potuto fare esperienza a fianco di grandi nomi della vela. Tutto questo era ed è il Circolo Velico Ravennate, un luogo dove poter fare vela di altissimo livello a 360 gradi, potendo attingere da un’esperienza di 70 anni di campi di regata, vissuti in tutto il mondo.

La storia di questi uomini e delle loro imprese è racchiusa in questo ottimo libro.

Marco Cristofari

 

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare