Home > Comunicazione > Press Mare > Patenti nautiche: 12 arrestati per corruzione a Palermo

Tag in evidenza:

Patenti nautiche: 12 arrestati per corruzione a Palermo

 Stampa articolo
STWC- 95 Abilitazione marittima professionale
STWC- 95 Abilitazione marittima professionale

Una brutta storia di corruzione relativa alle abilitazioni professionali marittime è venuta alla luce stamani a Palermo, con l’arresto di 12 persone, molti membri delle commissioni esaminatrici e del titolare di un centro di formazione.

A darne notizia per primi sono stati l’ANSA di Palermo e il quotidiano online Palermo Today che ha esposto con grande precisione i fatti, che coinvolgono anche quattro esponenti della Guardia Costiera arrestati dai loro stessi colleghi nel corso del blitz svolto in associazione con gli uomini della Guardia di Finanza.

http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2017/12/07/mazzette-per-patenti-nautiche-a-palermo_27d672f2-4884-46b0-aea5-f4407b4cdd15.html

http://www.palermotoday.it/cronaca/corruzioni-patenti-nautiche-direzione-marittima-arresti.html

Non si tratta qui della mazzetta che molti diportisti purtroppo ritengono essere la strada più veloce per ottenere la patente nautica, ma di un sistema organizzato rivolto ai marittimi che necessitano di specifiche abilitazioni come l’STCW-95 Basic sull'addestramento, la certificazione e la tenuta della guardia.

Qui un estratto da Palermo Today

Secondo gli inquirenti, che hanno utilizzato intercettazioni e pedinamenti, i marittimi che formulavano l'istanza per partecipare agli esami, il cui superamento era necessario per ottenere le abilitazioni professionali e le certificazioni previste dalla normativa internazionale per svolgere delicate e importanti mansioni a bordo di navi mercantili e da crociera, venivano "avvicinati" dagli indagati. Questi, d'accordo con il Centro internazionale di formazione marittima, promettevano ai candidati il facile superamento delle prove, se avessero frequentato "pre-corsi" a pagamento tenuti dagli stessi pubblici ufficiali che in seguito avrebbero fatto parte della commissione esaminatrice.

In particolare, è stato appurato che più di 50 candidati sono stati avvicinati e una parte di questi ha effettivamente pagato somme non inferiori ai mille euro per beneficiare di corsie preferenziali per il superamento degli esami. In alcuni casi, si è anche scoperto che, in occasione dei "pre-corsi" i candidati venivano puntualmente informati degli argomenti che sarebbero stati oggetto di esame. Alcuni avrebbero avuto prima tracce della prova scritta di inglese e sarebbero stati preparati alla traduzione.

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare