Home > Comunicazione > Press Mare > RORC Caribbean 600: la nona edizione raccontata dalle foto in HD

RORC Caribbean 600: la nona edizione raccontata dalle foto in HD

 Stampa articolo

RORC Caribbean 600: risultati finali e qualche foto da non perdere

Bella Mente, Louise, Proteus e Rambler 88
Bella Mente, Louise, Proteus e Rambler 88

È da poco terminata la RORC Caribbean 600, giunta quest'anno alla nona edizione, regata d'altura che si svolge alla Antille. Trentaquattro imbarcazioni al via per una delle regate che sembra destinata a ritagliarsi un posto di rilievo fra gli avvenimenti della vela sportiva internazionale. 600 miglia di navigazione articolata fra scogli e isole caraibiche, in totale 11, che vanno da Guadaloupe ad Anguilla, dove quest'anno hanno regatato equipaggi provenienti da tutto il mondo, skipper, team e barche solitamente protagonisti nelle più blasonate competizioni veliche internazionali. Una regata che in questa edizione è stata più seguita anche in Italia poiché vi hanno partecipato Giovanni Soldini e Maserati, il suo "trimarano laboratorio" Multi70.

Maserati, Phaedo 3
Maserati, Phaedo 3

Il team col tridente sulla vela, italiano di bandiera ma internazionale di equipaggio, ha infatti utilizzato la RORC Caribbean 600 come ennesima tappa che dovrà portare il multiscafo in questione a divenire, si spera, la barca da battere in tutte le grandi regate oceaniche alle quali parteciperà. Un avvicinamento al top delle prestazioni che fa parte di una prima fase di sviluppo e "tuning", iniziata a ottobre dello scorso anno con la partecipazione alla Rolex Middle Sea Race - è stato il debutto in una competizione velica per il MOD70 trasformato per lo skipper milanese in Multi70, primo trimarano foiling d'altura - per altro vinta, proseguita con la RORC Transatlantic Race, dove Maserati è arrivato secondo, risultato ribadito anche al traguardo della RORC Caribbean 600.

Rambler 88
Rambler 88

Lo sfidante col quale ha battagliato in queste tre regate è stato Phaedo, altro trimarano e in un certo senso una sorta di sparring partner con il quale Soldini e il suo equipaggio si sono misurati per capire l'entità dei miglioramenti via via raggiunti da barca e team, a seguito degli interventi tecnici che vengono realizzati sulla loro barca.

Al MOD70 Phaedo è dunque andata la Line Honours della RORC Caribbean 600 nell'ambito dei multiscafi - con l'edizione del 2017 sono tre anni di fila - mentre per ciò che concerne i monoscafi la Line Honours è andata a un'altra Formula 1 del mare, Rambler 88. Il migliore nel Superyacht Trophy, la competizione riservata alle barche più grandi, è andato a Shamanna, Swan 115 al debutto nelle regate. Bella Mente il maxi JV72 dell'americano Hap Fauth, infine, è stata la vincitrice al termine dei conteggi sulle compensazioni di fine gara.

Bella Mente e Proteus
Bella Mente e Proteus

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare