Home > Comunicazione > Press Mare > Dinghy a Portofino: la photogallery HD della 20a edizione del "Bombolino"

Dinghy a Portofino: la photogallery HD della 20a edizione del "Bombolino"

 Stampa articolo
Dinghy dodicesimo a Portofino - ph. Bluepassion/Rastrelli
Dinghy dodicesimo a Portofino ph. Bluepassion/Rastrelli

Dal 20 al 22 maggio scorsi, una flotta di oltre 100 Dinghy 12’ ha invaso Portofino  per celebrare la ventesima edizione del Trofeo SIAD Bombola d’Oro, la grande classica organizzata dallo Yacht Club Italiano con la partnership del Gruppo SIAD, con la collaborazione del Circolo Velico di Santa Margherita Ligure e del Circolo Nautico di Rapallo. Il Trofeo SIAD - Bombola d’Oro - il “Bombolino”, come lo chiamano con affetto i veterani -  è nato dalla passione per il mare di Roberto Sestini, Presidente del Gruppo SIAD, e di un gruppo di amici di Portofino. Una sera del 1996, al tavolo di un ristorante, decisero di dare spazio e respiro a questa loro passione e di organizzare una regata aperta a tutti, dove confrontarsi con gli amici; anche per vedere chi era il migliore ma soprattutto per condividere lo stesso amore per la vela e il mare.

Da quell’idea ha preso il via una manifestazione che è ormai una classica della stagione velica non solo italiana e che, come già da diversi anni, vede anche la presenza di numerosi velisti stranieri.  Il Dinghy 12’ fu progettato George Cockshott nel 1913, è lungo poco più di 3 metri, ed è stato classe olimpica. Nei suoi 103 anni di vita è riuscito a mantenere intatto il suo fascino di piccola-grande barca, amata da nobili e capitani d'industria come da semplici pescatori che si trasformavano in accaniti regatanti dimostrando tutte le loro doti marinaresche. Il Dinghy 12' ha saputo evolversi verso la costruzione in vetroresina proteggendo la sua tradizione dall’assalto della tecnica più esasperata, rimanendo una barca di grande fascino ed eleganza.  Oggi regatano insieme barche di legno e di vetroresina: i dinghy in legno recentemente varati hanno addirittura le stesse prestazioni dei più rigidi scafi in vetroresina.

Per festeggiare il ventennale della regata, Nave Italia, il brigantino di 61 metri della fondazione Tender to Nave Italia costituita dalla Marina Militare e dallo Yacht Club Italiano, ha dato fondo nelle acque del Golfo del Tigullio e la domenica 22 maggio ha ospitato a bordo la premiazione del Trofeo SIAD. Sabato 21 i festeggiamenti si sono svolti invece nella celebre piazzetta del borgo marinaro ligure, con presenza della banda della Marina Militare. La sera uno spettacolo pirotecnico ha deliziato tutti i presenti, al termine di una  la cena che SIAD ha riservato ai velisti partecipanti e le loro famiglie.

La regata si è svolta con il patrocinio dei Comuni di Portofino, Santa Margherita Ligure e Rapallo.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare