Home > Comunicazione > Press Mare > Lunedì su Rai 3 alle ore 21.15 prima TV per In Solitario

Lunedì su Rai 3 alle ore 21.15 prima TV per In Solitario

 Stampa articolo

Lunedì su Rai 3 alle ore 21.15 prima TV per In Solitario
Lunedì su Rai 3 alle ore 21.15 prima TV per In Solitario

Per chi lo avesse perso sul grande schermo e per chi volesse rivederlo comodamente sulla poltrona di casa. Lunedì 21 marzo su Rai 3 alle ore 21.15 prima TV per In Solitario, un piacevole film velico del 2013. I produttori e il protagonista di Quasi Amici provano a ripetersi dopo il successo del film campione d'incassi in tutto il mondo. Opera prima del regista Christopher Offestein, In Solitario è un film estremamente francese, sia per lo schema narrativo della vicenda sia per la sua ambientazione, la Vendée Globe, la regata attorno al mondo in solitario che in Francia è un evento mainstream in grado di attrarre centinaia di migliaia di spettatori a Les Sables d'Olonne mentre sono milioni a seguire in diretta TV la partenza (non a caso alle ore 13,03  per andare in diretta sui TG della domenica dopo il lancio dei titoli).

Questa la trama: Yann Kermadec (François Cluzet) vede realizzarsi il suo sogno quando inaspettatamente viene chiamato a sostituire lo skipper titolare dell'IMOCA 60 DCNS Franck Drevil (Guillaume Canet) alla partenza della Vendée Globe. Fermatosi in rada sulle coste africane a riparare un'avaria, sale a bordo un piccolo clandestino che vorrebbe giungere in Francia e si paleserà solo a regata ripresa. Il protagonista decide di sbarcarlo in segreto alla prima occasione, poiché si trova sua malgrado a infrangere il regolamento e verrebbe squalificato. Le cose si complicano ulteriormente quando deve salvare dal naufragio un'amica e concorrente che condivide dunque il suo segreto. Un elemento, quest'ultimo, chiaramente riferito al noto salvataggio di Isabelle Autissier da parte di Giovanni Soldini durante l'Around Alone del 1999 (giro del mondo in solitario, ma a tappe, differentemente dalla Vendée Globe che non prevede alcuno stop). Il finale è inaspettato e decisamente buonista, di particolare attualità rispetto all'odierno dramma dei migranti, spesso minorenni.

Giuliano Luzzatto
@gluzzatto

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare