Home > Comunicazione > Press Mare > Nautica: Pressmare ha provato il Boston Whaler 240 Dauntless

Nautica: Pressmare ha provato il Boston Whaler 240 Dauntless

 Stampa articolo

Quanti di voi ricordano quella foto in bianco e nero di una piccola barca con a bordo un signore a braccia conserte, farfallino e cappello, mentre guarda impassibile la gigantesca sega da boscaiolo che ha iniziato a tagliare in due il suo scafo? Chi come noi è venuto su con la passione delle barche, probabilmente ce l’avrà ben impressa nella mente, perché la “legenda inaffondabile” ci ha seguiti passo passo fino ai nostri giorni. L’immagine di cui parliamo ritrae Richard T. Fisher e la barca in questione è una Boston Whaler, marchio da lui inventato nel 1958. Acuta la trovata della foto in termini di comunicazione, ma geniale al tempo fu soprattutto l’idea di realizzare uno scafo le cui intercapedini erano riempite di materiale espanso, così da renderlo inaffondabile. Un concetto che è rimasto inalterato e che continua a essere la principale caratteristica di tutte le Boston Whaler prodotte. Oggi le due parti che compongono la barca, scafo e coperta, realizzati con la stratificazione di pelli di fibra di vetro bi- e tri-direzionale – per i modelli più grandi è stata adottata l’infusione – e completamente rivestite in gelcoat, vengono rese solidali e inscindibili da una precisa quantità di schiuma liquida a celle chiuse, che viene iniettata al loro interno. Una volta inserita la schiuma questa si espande, riempendo lo spazio tra gli stampi, in modo da rendere la carena estremamente robusta, il pagliolo solidissimo (niente “effetto polmone” sotto i piedi quando ci si sposta a bordo) e lo scafo inaffondabile. 

Il Boston Whaler 240 Dauntless tiene fede al blasone del marchio anche in termini di linee d’acqua, forte di una carena che anche quando messa alla frusta, strapazzata a dovere, non dà segni di cedimento. La barca sembra essere stata progettata e costruita proprio con lo scopo di essere giusta in ogni situazione. Pescatori sportivi, appassionati di sci d’acqua o più semplicemente diportisti e famiglie che amano i bagni di mare e di sole, possono trovare in questa 240 Dauntless la barca giusta. È un natante di gran qualità, percepibile ovunque si posi l’occhio, con molto spazio a bordo, anche a prua, sfruttato con un allestimento che può essere modulato a seconda delle necessità di utilizzo, con soluzioni che potremmo definire generalmente ottimali. Esemplare in questo senso il pozzetto, con il divano poppiero a scomparsa, capace di far cambiare volto all’area, coadiuvato in questo dalla panca che serve il posto di pilotaggio, gavonata, con schienale reversibile, sotto la quale c’è spazio anche per un igloo montato su un supporto che ne facilita l’estrazione.

Il connubio della carena col Mercury Verado da 250 HP è ottimale, frutto di migliaia di ore di sviluppo tecnico comune – Boston e Mercury sono marchi che appartengono alla stessa holding, Brunswick – e del perfetto montaggio effettuato come per ogni modello direttamente nel cantiere di Edgwater, in Florida, sede Boston Whaler. L’entrata in planata dello scafo è molto rapida, avviene in meno di 5 secondi, con la carena che esce dal dislocamento già a 2.750 giri/min e una velocità attorno agli 11 nodi. Sia da fermi sia in navigazione lo scafo dimostra una grande stabilità, dovuta al design dell’opera viva ma anche a un attento bilanciamento dei pesi a bordo, teso a ottenere un baricentro quanto più basso. L’efficienza della carena non viene meno quando si affonda sulla manetta del gas, spingendo il pilota a osare manovre estreme senza denotare particolari stress, con una tendenza al derapage della poppa assolutamente nella norma e controllabile. Anche quando abbiamo deciso di fare un po’ di “rock and roll” con questa barca, saltando sulle ripide scie di un barcone in dislocamento, con la carena completamente fuori dall’acqua, l’unica attenzione da parte del pilota è stata quella di dosare il gas per evitare fuori giri al motore, con atterraggi sull’onda non proprio confortevoli ma sempre sicuri, in una situazione pur sempre limite.

 

Per accedere alla Photogallery HD di PressMare clicca qui.

Trattandosi di immagini in alta se non in altissima risoluzione, suggeriamo di utilizzare un computer per la visione della Photogallery HD, in modo da poter godere appieno delle sue performance, visualizzando le foto su un monitor. Se si vuole invece vederle sul telefonino o su un altro device portatile, ci sentiamo di consigliare la fruizione della Photogallery HD quando l’apparato è sotto copertura wi-fi perché le immagini HD sono “pesanti”, e la loro visione può ridurre rapidamente la disponibilità di traffico digitale sulla vostra scheda telefonica.

 

 

 

Giri/min                                            nodi                                       consumo l/h                         db

 

600                                                   2,1                                         2,30                                       65

1.000                                                3,6                                         3,80                                       67

1.500                                                5,6                                         6,50                                       69

2.000                                                6,9                                         10,20                                     73

2.500                                                8,9                                         17,00                                     76

2.750                                                11,00  plana                         19,70                                      78

3.000                                                12,2                                       23,10                                     79

3.250                                                13,3                                       25,00                                     80

3.500                                                17,3                                       26,50                                     81

4.000                                                23,2                                       34,00                                     83

4.500                                                29,1                                       45,00                                     84

5.000                                                33,3                                       58,70                                     85

5.500                                                37,1                                       75,00                                     86

6.000                                                40,6                                       92,50                                     87

6.350                                                42,6    trim +2                      102,20                                     89

 

 

 

Ci è piaciuta

La qualità complessiva della barca, decisamente oltre la norma, a partire dagli acciai di bordo, A316-L.

 

Non ci è piaciuta

L’unico appunto può essere fatto al vano che si trova all’interno del cassero di guida, allestito con WC chimico, piccolo per un adulto

 

Lunghezza f.t. m 7.52 m – larghezza m 2,59 – immersione m 0,36 peso a secco senza motore kg 1.497 – portata massima kg 1.361 –persone imbarcabili 9
- motorizzazione massima HP 300 – motorizzazione minima HP 225 – peso massimo motorizzazione kg 318 – bordo libero m 0.64 – angolo di carena a poppa 16° - riserva carburante l 341

 

©PressMare riproduzione vietata

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare