Home > Comunicazione > Press Mare > Rolex Sidney Hobart: Maserati e Soldini IV pronti a doppiare Cape Pillar

Rolex Sidney Hobart: Maserati e Soldini IV pronti a doppiare Cape Pillar

 Stampa articolo
Maserati Italia70
Maserati Italia70

Maserati mantiene la IV posizione inseguita sempre da Chinese Whisper che insegue alla distanza costante di circa 13 miglia. Soldini dopo aver dovuto fare del suo meglio per recuperare il tempo perso per ridossarsi sottocosta in virtù delle previsioni meteo che poi si sono rivelate errate, è riuscito a mantenere saldamente la quarta posizione e ora si appresta a doppiare con Maserati e il suo equipaggio Cape Pillar, il capo a Sud Est dell'isola Tasmania.

Attualmente Maserati si trova a circa 50 miglia dall'arrivo e mantiene una velocità di circa 11 nodi, ma i venti nella Storm Bay sembrano essere più moderati e dunque per fare previsioni attendibili sull'orario dell'arrivo di Maserati a Hobart dobbiamo attendere ancora un po'.

Rambler e Ragamuffin 100 sono rispettivamente II e III seguite da Maserati che appunto, deve ancora fare il suo ingresso nella baia che porta a Hobart.

Ci piace ora riportare alcune dichiarazioni rilasciate dall'equipaggio vincitore che ha raggiunto Hobarto per primo a bordo di Comanche, in particolare dello skipper Ken Read, il quale ha dichiarato che si tratta di una regata molto dura, e che nonostante abbia girato intorno al mondo due volte e mezzo non aveva ancora mai vissuto momenti così duri in mare. Questo è quanto ha dichiarato appena aver attraccato a Hobart la sua Comanche che ha tagliato la linea del traguardo nel corso della notte.

Indubbiamente è stata una regata finora dura per tutti gli equipaggi e con molti colpi di scena, non ultimo quello delle previsioni meteo che hanno indotto gli skipper a scelte che poi si sono rivelate inutili, come dichiarato in precedenza da Giovanni Soldini. Ma i colpi di scena hanno riguardato anche la barca vincitrice, che ha tagliato il traguardo per prima nonostante un problema al timone che si è manifestato appena dopo la partenza a causa forse delle condizioni meteo avverse.

Venti violenti e contrari hanno reso la regata difficile al punto da essere già definita da alcuni la più dura che gli equipaggi si sono trovati ad affrontare negli ultimi 12 anni. In tutto questo il nostro Giovanni Soldini ha difeso egregiamente la sua reputazione ed è ora, come abbiamo detto, in quarta posizione pronto a doppiare Cape Pillar ed entrare nella baia che porta dritto a Hobart, dove attualmente si trovano a poca distanza l'una dall'altra Rambler e Ragamuffin 100.