Home > Comunicazione > Press Mare > Briatore, condannato, ricorre per il suo yacht Force Blue

Briatore, condannato, ricorre per il suo yacht Force Blue

 Stampa articolo
Flavio Briatore
Flavio Briatore

 

 

 

 

 

 

La contestazione di un uso personale e non di noleggio del suo motoryacht Force Blue, (che usufruiva perciò delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa europea per unità adibite al charter) e di altri reati connessi, come il mancato pagamento dell’Iva al momento dell’importazione della barca, era già iniziata nel 2006, ma anche quando era stato portato in tribunale Briatore era stato sempre assolto. Poi nel maggio 2010 Force Blue era stata fermata con un blitz al largo della costa ligure con moglie e figlio dell’imprenditore a bordo ed era scattata la prova dell’uso personale, appunto vietato, dell’unità, immediatamente sequestrata. Il Tribunale di Genova, con sentenza penale, ha inflitto a Briatore, qualche giorno fa, un anno e 11 mesi di carcere. Egli contestando la sentenza ha dato immediato mandato al suo avvocato di ricorrere in appello. Siamo curiosi di vedere come andrà a finire. Se da una parte è sacrosanto che ognuno paghi le sue tasse così paghiamo tutti di meno, ci sembra strano che Briatore con lo stuolo di avvocati e consulenti di cui dispone, abbia portato inavvertitamente la barca in Italia qualora fosse stata a rischio di sequestro e la sua richiesta di appello, vedendo la concretezza dell’uomo, sarebbe stupida perché foriera solo di nuove spese. Non potendo pensare a una burocrazia vendicativa e a una giustizia asservita, siamo veramente curiosi di vedere come andrà a finire. Recriminiamo soltanto, in genere, un atteggiamento di contrasto alle unità da diporto che invece potrebbero arricchire i nostri famosi ottomila chilometri di costa. E’ il caso di ricordare che Briatore, tra l’altro praticamente inventore del team Benetton (poi Renault) in Formula uno, proprio perché stanco di lottare con la burocrazia italiana, nel 2013 ha ceduto la maggioranza azionaria del celebre marchio Billionaire Club da lui ideato alla Bay Capital di Singapore, allo scopo di creare addirittura un network Billionaire con sedi prestigiose nei luoghi strategici di tutto il mondo.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare