Home > Comunicazione > Press Mare > Bimax Alchimia 32': la linea d'asse che tira

Bimax Alchimia 32': la linea d'asse che tira

 Stampa articolo
Bimax Alchimia 32
Bimax Alchimia 32

Il cantiere Bimax, noto soprattutto nell'area tirrenica per le numerose unità da diporto realizzate sinora e concentrate sulle dimensioni fino al limite dei dieci metri, nonostante creazioni come l'Alter Ego di oltre 15 con cui fece in passato un salto di qualità notevole, ha recentemente introdotto sul mercato l'Alchimia 32. Non si tratta di una barca realmente nuova dal punto di vista formale, infatti, il design e la carena provengono dal precedente modello denominato Diamond 32, il quale come tutte le barche prodotte da Bimax poteva essere dotato di motorizzazioni fuoribordo, entrofuoribordo, entrobordo. La novità che ha decretato il cambio anche nel nome del modello è principalmente dettata dall'alchimia appunto, che il cantiere ha messo in campo nella ricerca applicata sulle trasmissioni. Dunque, il risultato è la EDS, Eco Drive System, vale a dire una trasmissione in linea d'asse invertita, dunque, più efficiente in quanto l'elica lavora sempre su flussi puliti e poi perchè l'angolo di spinta è sempre favorevole, anche quando la prua tende normalmente ad alzarsi, condizione questa che nelle linee d'asse tradizionali riduce l'efficienza della spinta ma che con l'EDS invece, questa aumenta.

Una bella notizia per noi è stato soprattutto vedere che un cantiere di piccole dimensioni, dunque al di fuori di quelle logiche industriali che permettono in periodi di crisi di andare a cercare possibilità di business anche su mercati lontani per esempio, nonostante la lunga crisi e le difficoltà che questa ha comportato abbia continuato a svolgere attività di ricerca. Ma ancor più contenti ci ha resi il risultato che abbiamo avuto modo di provare in mare durante una prova comparativa con la stessa barca dotata di due motori entrobordo anzichè uno con trasmissione EDS. Il risultato è che la monomotore perde qualcosa in termini di velocità massima, ma parliamo di meno di 3 nodi, infatti, la bimotore raggiunge quasi i 36 nodi e la monomotore sfiora i 33. Quello che vede prevalere la monomotore senza indugi è l'accelerazione e soprattutto l'abbattimento dei consumi, dei costi di gestione e ovviamente del costo di acquisto, che nella versione base dell'Alchimia 32 è di 100.000,00 Euro più iva.

Tecnicamente la soluzione appare semplice e intuitiviamente realizzabile, nella realtà il cantiere ha dovuto far fronte a diverse sperimentazioni per raggiungere i risultati che su carta aveva stabilito in fase preventiva. Un altro punto su cui il cantiere ha lavorato è stata la ricerca di una soluzione per avere la possibilità di rientrare in porto anche a seguito di avaria al motore, cosa che ovviamente sarebbe stata da più parti evidenziata come un tallone d'Achille di questa soluzione. La risposta è un motore elettroidraulico alimentato da un piccolo generatore, il quale permette di rientrare a lento modo e in sicurezza anche con il motore principale fuori uso.

L'idea dell'elica traente è sicuramente accettata da tutti dal punto di vista fisico per le sue caratteristiche di resa, ma molti mettono in dubbio la sua applicazione per il timore di ciò che accade quando queste appendici urtano il fondo o un ostacolo. Dubbio lecito, risolto per esempio da Volvo Penta con sistemi strutturali efficaci e da Bimax con un sistema a flange che scongiura l'ingresso di acqua dall'asse danneggiato, inoltre, per essere ancor più sicuri,  la trasmissione è contenuta all'interno di un contenitore stagno all'interno della sala macchine, il che significa che in caso di fallimento delle flange il massimo di acqua che più imbarcare è rappresentato dal volume limitato di questo elemento. Sicurezza totale era infatti uno degli elementi a monte della ricerca e come abbiamo avuto di provare noi il bersaglio è stato centrato.

Complimenti a Bimax per aver saputo cogliere nella quiete commerciale della crisi l'opportunità di fare ricerca.

 

Caratteristiche tecniche.

Autonomia mn 270

Velocità minima di planata: nodi 12,5

Velocità massima nodi 32,9

Velocità all’85% dei giri massimi 27,2 nodi a 3.300 rpm

Tempo per planare da fermo 5,8”

 

Indirizzo cantiere Bimax Service S.r.l. – Zona Industriale Minturno (LT) – tel. 338 6194771 – 339 7674716.

 

Scheda tecnica

L.f.t. m 9,80 – largh. max m 3,15 – immersione m 1,00 – dislocamento a vuoto kg 4.800 – portata omologata persone 10 – posti letto 4 – potenza max 2x350 HP – motorizzazione della prova 1x350 HP VM 4.2 marinizzato Nanni– trasmissione: linea d’asse inversa sistema EDS – peso motore kg 460 – velocità massima dichiarata nodi 33 – serbatoio carburante litri 450 – serbatoio acqua litri 150 – dotazioni standard: caricabatterie, boiler, hi-fi, frigo da 84 litri, strumentazione motore – dotazioni optional: elica di prua, gruppo elettrogeno con propulsione elettroidraulica ausiliaria da 7,5 kW, vernice metallizzata, coperta in teak, tettuccio estensibile elettrico, personalizzazione artistica.

Prezzo versione base Euro 100.000,00 (più iva)

Prezzo versione da noi provata, full optional Euro 136.000,00 (più iva)