Home > Comunicazione > Press Mare > Le prime mosse di Carla Demaria

Le prime mosse di Carla Demaria

 Stampa articolo
Carla Demaria
Il nuovo Presidente Ucina Carla Demaria

Carla Demaria ha tracciato il suo programma di lavoro per il mandato di Presidente Ucina e da esso traspare chiaramente la sua razionale positività. Poiché, come si dice, è abituata a pagare di persona, nel senso che in ogni riunione è la prima ad entrare e l’ultima a uscire, siamo convinti che anche in tale incarico non si tirerà indietro e ciò già traspare dal programma. La carenza di associati, falcidiati dalla crisi economica nazionale, ha creato anche in Ucina problemi economici fortissimi, destinati ad accrescersi se non ci sarà un recupero di fuoriusciti e di quote associative non corrisposte. E per riuscirvi si deve riaccorpare un organismo che principalmente si è sfaldato in quanto non sempre democratico nelle sue scelte e, secondo le accuse di molti, troppo Genova dipendente.

Lo statuto dell’Unione era stato elaborato in funzione dei costruttori ma ora questi sono una minoranza abbandonata dalla politica in quanto produttori di beni di lusso, ed è già miracoloso quanto ottenuto dal mondo politico nel recente passato dal duo Albertoni-Neglia. La realtà della nautica italiana è oggi rappresentata quasi esclusivamente dai grandi cantieri di barche grandi e grandissime, con problemi che non sono certo quelli della miscellanea di piccole aziende spesso familiari dedicate ai servizi, dal commercio, all’assistenza, al rimessaggio, dall’import-export alla portualità turistica, che cercano di sopravvivere. Quindi sono ottimi i sette settori di rappresentanza, ma il vero problema della nautica è politico, quindi esterno a Ucina e va risolto con un programma politico di vasto raggio, in grado di stimolare gli investimenti nel settore e il ritorno in barca degli utenti, che invece sono ancora in fuga dalla nautica perché sempre sotto la lente d’ingrandimento della Finanza. Forse l’appartamento di Roma andava mantenuto.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare