Home > Comunicazione > Comunicati > Antonio Errigo è tornato con un nuovo romanzo, Carmarìa

Tag in evidenza:

Antonio Errigo è tornato con un nuovo romanzo, Carmarìa

 Stampa articolo
Carmarìa, il nuovo romanzo di Antonio Errigo
Carmarìa, il nuovo romanzo di Antonio Errigo

Antonio Errigo è tornato con un nuovo libro, “Carmarìa ”, il terzo dopo “Vengo con te. La sua libertà diventa la mia libertà” e “Quartiere mondo”. Il romanzo, di questo si tratta, è disponibile in tutte le librerie d’Italia ed in tutti gli store on line (Amazon, Ibs.it, Mondadori Store, Feltrinelli). 
Edito da Gangemi Editore, l’annuncio dell’uscita è stato dato dallo stesso autore che, nel sottolineare che parte dei proventi della vendita andranno in beneficenza alla Fondazione Bambin Gesù, descrive il romanzo con queste parole
“In un mondo veloce e disordinato un uomo si prepara a diventare padre e lo fa con una voce fuori campo che racconta al proprio figlio, ancora dentro al grembo della mamma, una storia ambientata in un’epoca lontanissima, in un villaggio di una Italia che non c’è più, dove si alternano le vicende di Libero e suo fratello Salvo, di Emma, Amerìga e Cummaredda, di Martino e Restomondo. Le vite di questi personaggi si intrecceranno con quelle di Sabah e Touré, una insolita coppia di innamorati proveniente da terre sconfinate che farà incrociare i destini di tutti i protagonisti sovvertendo la monotonia che fino a quel momento aveva scandito le giornate di ciascuno di loro. In questo romanzo, attuale e senza tempo, i piccoli e grandi eventi di un borgo di pescatori, le speranze, le emozioni e le paure degli ultimi faranno da sfondo ai grandi temi della vita: l’indifferenza, la vigliaccheria, la sopraffazione, la forza dell’altruismo, la gratitudine, il coraggio, la capacità di saper cambiare idea e la ricerca della felicità.”

advertising

Antonio Errigo
Antonio Errigo, l'autore del romanzo Carmarìa

 

"Questi è un libro che invita a riconsiderare la calma - dice Antonio Errigo  - pagine che insegneranno a osservare la vastità del mare, i suoi mille colori ed i suoi misteri. Una storia che inviterà a ricordare che la vita non è sempre perfetta ma se affrontata nella sua più intima verità può essere un’avventura meravigliosa. Avvenimenti che ci porteranno a comprendere che non esistono formule magiche per essere felici. Protagonisti straordinari nella loro normalità che ci racconteranno come la rinascita di ognuno di noi debba passare attraverso l’attesa ed il dolore che non sono altro che l’anticamera del vero amore."

"Ho iniziato - a scrivere questo libro - continua l’autore - mentre Giulia, mia moglie, era incinta di nostro figlio. Avevo tante emozioni interiori da tirar fuori. Diventare genitori credo sia l’esperienza più bella ed intensa della vita, una gioia incontenibile. Ho inventato una storia di fantasia ambientata nel passato, mantenendo sempre una porta aperta su un presente frenetico e l’ho fatto giorno dopo giorno, scrivendo durante i miei numerosi viaggi, in mezzo al traffico o su una nave in mezzo al mare, mentre attendevo un treno o mi imbarcavo su un aereo. Ne è uscito fuori un romanzo molto diverso dai miei due libri precedenti dove si trova però un comune denominatore: la voglia di riflettere sui grandi temi e comunicare messaggi positivi anche in un’epoca dominata da molte incertezze. Sulla quarta di copertina c’è una frase molto evocativa “Il mare, così come la vita, è pieno di insidie, speranze, dubbi e ragioni. Impara a nuotare. Impara a leggere. Impara la libertà.” Non vedo l’ora che mio figlio, di appena 3 anni, abbia l’età giusta per poter leggere."

Le ultime notizie di oggi