Home > Compagnie di navigazione > Onorato Armatori > Vincenzo Onorato tra i protagonisti dell'Assemblea Generale di Confcommercio

Vincenzo Onorato tra i protagonisti dell'Assemblea Generale di Confcommercio

 Stampa articolo
Confcommercio: Vincenzo Onorato protagonista dell'Assemblea
Confcommercio: Vincenzo Onorato protagonista dell'Assemblea

L’armatore Vincenzo Onorato è stato tra gli imprenditori-testimonial dell'Assemblea Generale di Confcommercio-Imprese per l'Italia, che si è tenuta oggi a Roma presso l'Auditorium della Conciliazione.

Un appuntamento al quale il Presidente del Gruppo Onorato Armatori non è voluto mancare. La presenza di Onorato sancisce la scelta del Gruppo Armatoriale di aderire alle politiche portate avanti dalla Confederazione ed in particolare da Conftrasporto, cui aderisce Fedarlinea, la principale associazione di rappresentanza delle compagnie di cabotaggio marittimo, di cui l’Armatore è da qualche settimana vicepresidente.

Vincenzo Onorato è salito sul palco per spiegare a una platea di centinaia di persone, nella quale erano presenti il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e rappresentanti del Governo e del Parlamento, la realtà del suo Gruppo e la sua visione:

Parlare oggi di fronte al Presidente Renzi e a questa magnifica Assemblea è per me un onore. Il Gruppo Onorato ha 70 navi tutte battenti bandiera italiana e, soprattutto, 4000 marittimi tutti italiani. Sono orgoglioso di un Gruppo leader nel mondo, che genera profitto ed è espressione dell’eccellenza italiana grazie alla qualità dei servizi che offre giorno dopo giorno ai propri clienti”.

Onorato ha poi parlato del futuro dei marittimi italiani, argomento che da sempre ha particolarmente a cuore, con il suo impegno quotidiano per una politica di valorizzazione di un comparto che impiega più di 20.000 addetti italiani.

I mestieri del mare devono tornare a essere un obiettivo professionale concreto per i giovani italiani, attraverso investimenti nella formazione, incentivi all’assunzione e soprattutto l’impegno di tutti gli armatori”.