Home > Circoli nautici > Ondabuena Academy > Vela: l'Invernale di Taranto nel Mar Grande

Vela: l'Invernale di Taranto nel Mar Grande

 Stampa articolo
Invernale Taranto
Invernale Taranto

Poco vento domenica scorsa, per la terza giornata del Campionato Invernale di vela delle classi J24 e Sb20 partito il 22 novembre. Taranto fino a Marzo, quando la gara si concluderà, ospita imbarcazioni provenienti da tutta la Puglia. Ad organizzare le regate il circolo velico Ondabuena Academy di Taranto, sotto l’egida della Federazione Italiana Vela, e con il supporto della sezione Velica della Marina Militare e del Molo Sant’Eligio. Anche a dicembre la rada di Mar grande, si conferma punto di forza di questo campionato. Gli esperti definiscono questo specchio d’acqua un vero e proprio “stadio del vento”, perché le condizioni meteo sono sempre ottimali, e non si configura mai “troppo” mare, permettendo così di regatare in sicurezza. In mattinata la prima raffica di vento, è “sporca”, non buona, così la definiscono i regatanti. Ma nel corso della competizione di domenica ne arriverà un’altra, più decisa, incalzante. Entra in Rada il vento da grecale, e la gara prende finalmente vita. Gli equipaggi sono pronti a sfidarsi. J24. E’ scesa nel campo di regata la flotta J24 della Puglia. Due le prove disputate domenica 20 dicembre. Scattano subito avanti “Jebedee” (CN Il Maestrale) timonato da Luca Gaglione, “Five for Fighting” (LNI Monopoli) con Andrea Airò al timone, e “Canarino Feroce” di Massimo Ruggiero (CdV Marina di Lecce), con Paolo Montefusco alla tattica. E' subito battaglia serrata, con “Marbea” sempre all’erta. “Jebedee” approfitta di qualche sbavatura nella conduzione delle altre barche per prendere un buon margine, ma le oscillazioni del vento e la buona tattica fanno avvicinare “Canarino Feroce” già alla seconda bolina. Il comitato opta per la riduzione di percorso in modo da permettere di disputare un'altra prova, e quindi sul podio ci sono “Jebedee”, “Canarino Feroce” e “Five for Fighting”. Nella seconda prova, ancora carichi di adrenalina, sono proprio questi ultimi a scattare per primi, mettendo all'ombra delle proprie vele “Jebedee”. Segue “Canarino Feroce” a breve distanza, molto agguerrito. Le prime posizioni rimangono stabili mentre dalle retrovie sono “DoctorJ” e “Jebedee” che lottano per rimontare. Interpretando bene il vento, e grazie al buon "manico" di Luca Gaglione, “Jebedee” si trova a breve a lottare in una sfida all'ultima virata con “Canarino Feroce” che terminerà terzo, mentre “DoctorJ” finisce quarto nella prova. Buona la prestazione anche di “Buccia di Banana” (CdV Molfetta) che con il quinto posto avvicina i compagni di squadra di “L'Emilio”. Sempre pungente anche “Lumachia” (Ondabuena) con Carlo D'Errico al timone Sb20. E domenica si sono dati battaglia anche i monotipi della classe Sb20, un’imbarcazione a chiglia, estremamente veloce e facile da portare. Chiude al primo posto il neo campione regionale Gianni Cavallo (LNI. Brindisi) con la sua “Topsecret-Slippery”, seguono i ragazzi di “Flockino” (Ondabuena Academy), terzo posto per “Sberla” del neo armatore Alessandro Siletti (LNI Monopoli). Il Campionato invernale si declina in otto giornate. E’ partito il 22 Novembre, ha visto protagonista la Flotta pugliese nelle due date di dicembre, e continuerà nel 2016. A Gennaio le classi si sfidano il 24, mentre a Febbraio le imbarcazioni gareggeranno il 7 e 21. E due giornate anche a Marzo: il 6 e il 20, ultima data questa, al termine della quale saranno decretati i vincitori. Ondabuena Academy coordina il campionato dal punto di vista tecnico, cura la messa in acqua delle barche e l'ospitalità degli equipaggi. La Sezione Velica della Marina Militare monitora la competizione “a mare” e guida la Giuria di regata. Il Molo Sant'Eligio è invece partner logistico “a terra”. La struttura è l'unica a Taranto, e tra le poche in Puglia, in grado di ospitare un numero elevato di barche e con il Moletto (bar) è garanzia di accoglienza per i regatanti. Per gli aggiornamenti e le classifiche è a disposizione il sito www.ondabuenaacademy.it. Chi si bagna con l’acqua salata… non si asciuga più!