Home > Circoli nautici > Circolo Velico Reggio > “Carthago dilecta est”: l'edizione del 2018

Tag in evidenza:

“Carthago dilecta est”: l'edizione del 2018

 Stampa articolo

La Calabria ponte ideale tra l’Italia e la Tunisia attraverso lo Sport e la Vela. Reggio Calabria tappa di partenza per il 2018. Parteciperà l’imbarcazione Calabria.

“Carthago dilecta est”: l'edizione del 2018
“Carthago dilecta est”: l'edizione del 2018

advertising

Oggi Gentiloni è qui in Tunisia in un incontro con il Presidente Tunisino Beji Caid Essebsi per sottolineare che qualsiasi iniziativa che collega i due mondi e che crea una sinergia è importantissima per tutto il mondo islamico ed ha effetto dirompente sull’intero Nord Africa.

E’ appena il caso di sottolineare che il Circolo Velico Reggio è già giunto autonomamente su queste considerazioni e con i mezzi a disposizione ha già stretto un gemellaggio con il Circolo Nautico di Hammamet, ha sostenuto la partecipazione di una squadra di tunisini alla ultima edizione della Mediterranean Cup e si accinge a lanciare un progetto di partecipazione alla “Carthago dilecta est” del 2018.

Unire due mondi, due culture, due continenti attraverso lo spettacolo della Vela. Constatare che questi obiettivi, vissuti con lungimiranza dal Circolo Velico Reggio, siano oggi le prospettive illustrate da Gentiloni dinnanzi al primo Ministro Tunisino.

Reggio sta creando un legame unico tra la regione Calabria e la Tunisia e ci auguriamo che queste iniziative trovino, sempre di più, convinti assertori nelle Istituzioni.

Il Circolo Velico Reggio ha stretto un gemellaggio con il Circolo Nautico di Hammamet
Il Circolo Velico Reggio ha stretto un gemellaggio con il Circolo Nautico di Hammamet

L’assessore On. Gianni Nucera, nel ricevere la delegazione tunisina alla Mediterranean Cup, ha assicurato il sostegno della regione Calabria ad un progetto interculturale di partecipazione della regione ad un ardita competizione che unisce i due mondi.

Quest’anno la “Carthago Dilecta est” del 2018, regata che si svolge tra l’Italia e la Tunisia, che è ripresa nel 2017, dopo la parentesi della primavera araba, oltre lo sport e la sfida, rappresenta un trait d’union tra i due paesi, un ponte ideale e un rinnovamento dei rapporti culturali. Tutto nel segno del Mediterraneo.

Punta di diamante di questa progettualità è la famosa regata velica internazionale che quest’anno partirà dall’Italia da tre porti: da Cagliari, da Fiumicino toccando Ventotene e da Reggio Calabria. Da tre regioni di Italia, dalla Sardegna, dal Lazio e dalla Calabria, una serie di tappe a solcare il Mediterraneo, sino a giungere in Tunisia.

Una regata che tende a rappresentare la volontà, espressa nella giornata oggi da Gentiloni, di non farsi fermare dai timori legati al terrorismo e di rispondere a questi allarmi con lo sport, la Vela e l’amicizia dei popoli.

Le regate partiranno dalla fine del mese di luglio promosse dalla Lega Navale di Cagliari, dal Circolo di Ventotene, isola dove nacque l’idea di Europa, e dal Circolo Velico Reggio insieme ai club nautici tunisini come quello di Sidi Bou Said e Yasmine Hammamet, sotto l’egida della Federazione Vela Tunisina e della Federazione Italiana Vela.

Il mare come via di unione tra le nazioni, la vela come punto di aggregazione e condivisione nell’ambito di una globalizzazione positiva, un modo di interpretare il momento storico nel rispetto reciproco e della pace.

Il logo della Federation Tunisienne de Voile
Il logo della Federation Tunisienne de Voile

Il programma per il 2018 si metterà in cantiere dopo un perfezionamento che avverrà dopo il 16 Dicembre con il “patron “ il Prof. Mauro Ugazio, quando, il Presidente del Circolo Velico, Carlo Colella, sarà in Italia e si preannuncia dalla sponda calabrese, la partecipazione certa di una imbarcazione che sarà denominata “Calabria” alla regata a cui, è auspicabile, si possano aggiungere altre imbarcazioni di armatori locali.

Le ultime notizie di oggi