Home > Circoli nautici > Circolo Vela Gargnano > Vela: parte il 23 luglio sul Garda l’Europeo Hobie Cat 16

Vela: parte il 23 luglio sul Garda l’Europeo Hobie Cat 16

 Stampa articolo
Hobie 16
Hobie 16

 

 

 

 

 

 

Sul Garda si parte il 23 luglio con l’Europeo Hobie Cat 16 per poi proseguire con il Campionato Internazionale. La manifestazione inserita tra i grandi Eventi sportivi promosso in Regione Lombardia durante Expo.

 

GARGNANO (Bs) . Mondiale dei multiscafi della gamma Hobie e Campionato d’Europa del diffusissimo Hobie 16 piedi è quanto presenterà il lago di Garda dal 23 luglio al 2 agosto. Saranno più di 250 equipaggi in rappresentanza di 22 Nazioni a veleggiare ed a contendersi sia il titolo Mondiale sia quello del Vecchio Continente.  Gli Hobie italiani si sono allenati a Marina di Grosseto con la disputa del Campionato Nazionale. Negli Hobie 16, dopo 9 prove e 2 scarti, la vittoria è andata gli austriaci Klemens Kitzmueller e Gundi Kitzmueller che quest'anno hanno partecipato a tutte le regate nazionali italiane e che a Gargnano si presentano come i grandi favoriti. Il secondo posto è andato ai cagliaritani Antonello Ciabatti e Luisa Mereu, neo campioni d’Italia. I due equipaggi  troveranno sulla loro rotta avversari provenienti da tutto il Globo grazie alla formula Open. Il programma sul Garda si aprirà con l’Europeo Hobie 16 e proseguirà con il Mondiale Multi Classe, in gara tutti i vari modelli del cantiere Hobie, compreso il Dragoon per i giovanissimi.

La macchina organizzativa è coordinata dal Circolo Vela Gargnano, affiancato dalla 14° Zona di Federvela e Univela Campione. I partner logistici saranno Marina di Bogliaco e Brescia Tourism, grazie al contributo e patrocinio di Regione Lombardia e Comune di Gargnano. 

La manifestazione è inserita nel calendario dei Grandi Eventi sportivi promossi in Regione Lombardia per Expo 2015. Saranno più di 500 persone presenti tra Gargnano e la riva del Garda di Lombardia per 10 giorni, che in termini di presenze turistiche rappresentano un importante volano per l'intera  economia della riviera bresciana.