Home > Cantieri > VSY > VSY 83: vocazione expedition nel rispetto dell’ambiente

Tag in evidenza:

VSY 83: vocazione expedition nel rispetto dell’ambiente

 Stampa articolo
VSY 83
VSY 83

Con questo nuovissimo 83 metri, VSY interpreta la sua visione del mondo degli Explorer, andando oltre le mode e le tendenze del momento, concepito per un armatore che non ricerca uno status symbol ma piuttosto uno style symbol. Uno yacht che rappresenta un modo d’essere e di vivere il mare, alla ricerca di una navigazione dal ritmo più tranquillo, che trasmetta però tutte le suggestioni della spedizione e dell’avventura nei mari e nei luoghi più remoti e suggestivi del pianeta, senza comunque rinunciare allo stile e al comfort e, soprattutto, nel pieno rispetto dell’ambiente.

advertising

Con il suo look potente ma ricercato, le sue linee armoniche ma non edoniste, il suo stile sofisticato ma non frivolo, l’83 metri VSY dimostra forte personalità, offrendo solidità, sicurezza, estremo comfort di bordo e grande autonomia, fino a 6.500 miglia nautiche all’andatura di crociera di 12 nodi (18,5 nodi la velocità massima).

Affidato sempre a Espen Oeino per le linee esterne e a Laurent Giles per l’architettura navale, mentre l’engineering è di VSY, questo progetto, da 2.650 tonnellate di stazza lorda in 83 metri di lunghezza e 15,60 metri di larghezza massima, propone e reinterpreta gli stilemi principali della pluripremiata sorella minore, Stella Maris, con diversi accenni ai moderni
explorer. Lo scafo in acciaio, che nasce da una nuova piattaforma nave di un metro più larga, è riproposto in grigio antracite per esaltare la potenza del progetto. Il layout interno è articolato su ponti sfalsati per consentire maggiori volumetrie e vetrate a tutta altezza, creando ambienti open space molto ampi e luminosi a vantaggio di una maggiore fluidità di movimento e continuità visiva fra interno ed esterno. L’helideck è certificato HCA/MCA per velivoli Agusta Westland 169 e consente operazioni sia diurne che notturne di decollo, sosta e atterraggio sia Side Landing che Royal Navy type Landing. Un plus che in questo caso diventa strategico per la vocazione di questo yacht a navigare nei posti più nascosti e reconditi del globo, senza mai dimenticare la sua anima ecologica.

Il VSY 83, infatti, capitalizza tutte le tecnologie già sviluppate dal cantiere in termini di motorizzazione, emissioni inquinanti, trattamento e smaltimento delle acque reflue, che fanno parte integrante della più ampia strategia di sostenibilità dello stesso, ormai riconosciuta e premiata a livello internazionale.

Il rapporto diretto e più vicino con la natura e l’ambiente, proprio della filosofia explorer, è assicurato anche grazie all’imponente beach area a poppa, con 180 metri quadrati di superficie a stretto contatto con il mare e dall’abbondanza di ambienti open air (ben 979 metri quadrati) arricchiti da una spa sul sun deck e da una grande piscina a cielo aperto sul main deck a poppa.

I due grandi tender da 35 piedi, un limo e un open, sono alloggiati in un apposito garage a pruavia del beach club, liberando ulteriore spazio a poppa a favore di quest’ultima e a tutto vantaggio delle molteplici attività leisure a disposizione di armatore e ospiti.

E ovviamente non mancano tutti gli atout che qualificano a bordo un servizio di eccellenza assoluto, dal comfort acustico alle soluzioni domotiche e ai sistemi di entertainment più all’avanguardia, accessibili da ogni cabina, dalla palestra all’area wellness, con hammam, sauna a vapore e sala massaggi fino al sofisticato sistema di controllo Kongsberg per la gestione integrata della strumentazione di navigazione, comunicazione e automazione.

In sostanza, un capolavoro di stile e tecnologia firmato VSY per una navigazione consapevole e perciò più appagante, che rispetta i massimi standard delle certificazioni Lloyd’s ambientali e Ice Class 1D, tanto da consentire l’accesso esclusivo anche nelle aree marine protette.

Le ultime notizie di oggi