Home > Cantieri > The Italian Sea Group > The Italian Sea Group: aggiornamento primo trimestre 2016

Tag in evidenza:

The Italian Sea Group: aggiornamento primo trimestre 2016

 Stampa articolo
La sede di The Italian Sea Group a Marina di Carrara
La sede di The Italian Sea Group a Marina di Carrara

Grande fermento in The Italian Sea Group, dove sono in corso i preparativi per il varo di tre delle quattro commesse previste per il 2016, mentre in cantiere continuano incessanti i lavori su altri sei yacht in costruzione tra i 40 e i 75 metri.

advertising

Il primo varo dell’anno è previsto per il 24 Marzo, e riguarda il primo 55 metri della serie E Motion che sarà battezzata con il nome “Quinta Essentia”, e che si caratterizza grazie ad un design esterno  capace di esaltare l’eleganza tipica del brand Admiral rivisitandone lo stile classico sotto una nuova veste. “Quinta Essentia” è uno yacht a propulsione ibrida e scafo dislocante, completamente costruito in alluminio per ridurre al minimo pescaggio e pesi.

Il risultato è uno yacht estremamente efficiente, con consumi ridotti, bassissimi livelli di rumore e vibrazione in crociera, tutti aspetti che sono stati tenuti in considerazione sin dalle prime fasi di progettazione.

Subito dopo il primo varo, è in programma il varo di un altro Admiral questa volta di 50 metri, della serie C-Force, con scafo dislocante in acciaio e alluminio. Lo yacht, pur rimanendo sotto le 500 tonnellate di stazza lorda (499 GRT) offre volumi raramente presenti a bordo di navi di questo tipo. Lo Yacht è dotato di sei cabine doppie ed è quindi ideale per un utilizzo misto armatoriale/charter.

A conferma del grande successo della serie Impero, sarà in seguito varato il terzo esemplare di 38 metri RPH, un yacht completamente costruito in alluminio, con scafo semi dislocante, in grado di raggiungere una velocità massima di 20 nodi, pur mantenendo le caratteristiche di autonomia tipiche di uno scafo dislocante. Lo Yacht è dotato di due ponti oltre alla zona timoneria rialzata e può inoltre vantare uno dei sun deck più ampi della sua categoria.

L’ultimo varo dell’anno è invece in programma per settembre e riguarderà un progetto Custom di 39 metri in alluminio, di nuovo con costruzione in alluminio e scafo semi dislocante, dotato tra l’altro di una propulsione gestita tramite due pod a poppa.

Sia l’E Motion 55 Hybrid “Quinta Essentia” sia il C-Force 50, faranno bella mostra di sé al prossimo Monaco Yacht Show a Settembre 2016. L’impero 38 RPH parteciperà invece al Cannes Yachting Festival 2016, qualche giorno prima del salone di Monaco.

Notizie dal Gruppo

Su un altro versante, la divisione Refit del Gruppo, “NCA Refit”, sta registrando un rapidissimo incremento delle sue attività da giugno dello scorso anno, con svariati progetti completati, inclusi il M/Y Quattroelle (Lürssen di 88m) e il M/Y Smeralda (Silver Fast di 77m), e altri ancora in progress.

Da oltre oceano Francesco Carbone, Presidente di The Italian Sea Group Americas, con sede a Fort Lauderdale, Florida, registra un entusiasmante riscontro da parte del mercato dell’intero continente Americano.

Il dipartimento Ricerca & Sviluppo, il Dipartimento Tecnico e il team di Design interni al cantiere continuano a lavorare senza sosta su nuovi progetti custom della flotta Admiral che saranno presto svelati.

 

The Italian Sea Group

The Italian Sea Group è oggi uno dei più grandi gruppi conglomerati della nautica internazionale. Guidato dall’imprenditore Giovanni Costantino, il gruppo opera sul mercato con diversi brands, Admiral, Admiral Sail, Tecnomar, caratterizzanti lo yachting di lusso a vela e a motore, NCA e NCA Refit, caratterizzanti la produzione navalmeccanica ad alto valore tecnologico e il refit, soprattutto per lunghezze superiori ai 60m. Il cantiere si espande oggi su una superficie di circa 100.000mq, con facilities importanti quali 11 aree produttive, 2.000 m di banchina, 200 m di bacino ed una capacità di sollevamento tramite gru e travel totale pari a 1.000t.

Le ultime notizie di oggi