Home > Cantieri > Suzuki > Motori fuoribordo > Suzuki marine D.O.C.: motore rubato subito sostituito!

Suzuki marine D.O.C.: motore rubato subito sostituito!

 Stampa articolo
Suzuki tutela i clienti con D.O.C.
Suzuki tutela i clienti con D.O.C.

Suzuki Marine è l’unico costruttore che attua una politica di tutela del proprio cliente finale di tale portata: se il motore fuoribordo è oggetto di furto nei primi 12 mesi di vita, entra in campo il  Programma D.O.C. – Defence of Customer e Suzuki te lo restituisce.

 

Suzuki con il Programma D.O.C. – Defence of Customer ha messo a segno una politica di semplificazione e efficacia unica nel settore dei motori fuoribordo, affinché i propri Clienti siano sempre e comunque soddisfatti di possedere un motore fuoribordo Suzuki.

 

Suzuki Marine stringe, infatti, un patto con chiunque acquisti un suo motore fuoribordo: la formula è semplice e chiara e impegna il marchio giapponese con i propri clienti, al fine di sollevarli il più possibile dai disagi conseguenti a un eventuale furto nei primi dodici mesi di vita dall’acquisto di un motore fuoribordo.

 

Chi ha avuto la disavventura di subire un furto sa che, oltre al danno economico tout-court si va incontro anche a notevoli disagi che potrebbero arrivare a  pregiudicare totalmente le vacanze. Suzuki Marine quindi, di concerto con la propria rete ufficiale di vendita, si impegna a restituire, nel più breve tempo possibile, un motore di modello identico a quello sottratto.

 

Il programma D.O.C. Suzuki è incluso nel prezzod’acquisto dei modelli dal DF8A al DF300A della gamma: il Cliente Suzuki non deve fare altro che fissare con un “dado antifurto” il motore allo specchio di poppa (dal modello DF40A in su) e ritirare dal concessionario da cui ha acquistato il motore il certificato di assicurazione rilasciato insieme alla dichiarazione di potenza, per beneficiare, da quel momento, di una protezione totale valida per i primi 12 mesi di vita del motore.

 

Suzuki “D.O.C.” – Motore rubato, subito sostituito!