Home > Cantieri > Solaris Yachts > Il nuovo Solaris 40, una barca di 40 piedi di tutte le innovazioni

Il nuovo Solaris 40, una barca di 40 piedi di tutte le innovazioni

 Stampa articolo
Solaris 40
Solaris 40

Il nuovo Solaris 40 racchiude nei suoi 12,36 metri il risultato di un intenso studio di progettazione, firmato dal progettista dei Solaris Javier Soto Acebal e con accorgimenti che caratterizzano questo nuovo progetto nelle prestazioni di carena e nel confort di navigazione. L’obiettivo era di riuscire a dotare una barca di 40 piedi di tutte le innovazioni che caratterizzano i modelli di fascia superiore.

advertising

Evoluzione in tutti gli aspetti
Solaris 40 ha il nuovo tipo di linee con molta enfasi sull'equilibrio generale, statico e dinamico.
Per l’equilibrio statico è stata applicata molta attenzione alla distribuzione del peso sotto l'acqua, al centro di spinta, alla posizione della chiglia per contrastare adeguatamente le forze della vela, alla posizione del timone, ecc.
Per l'aspetto dinamico, il progetto è concentrato su situazioni di navigazione nella vita reale, buone proprietà a tutto tondo, stabilità sotto diversi angoli di sbandamento, assetto della prua, coefficienti e relazioni prestazionali con la gamma prevista di combinazioni di assetto e sbandamento.
Solaris 40, avanza verso l'evoluzione e il progresso, analizzando a fondo ogni nuovo miglioramento, non solo gli aspetti delle linee d'acqua, ma anche le molte questioni pratiche che devono essere attentamente integrate nel processo di progettazione.

Innovazioni e tendenze
•    arretramento dell'albero, aumentando le aree di genoa e gennaker
•    bilanciamento con linee di galleggiamento più lunghe all'assetto di progetto, con il centro di galleggiamento e la chiglia anch'essi arretrati, consentendo così alla chiglia di adattarsi correttamente all'albero e al baricentro dell'imbarcazione
•    timoni con sezioni trasversali delle lamine e centro di pressione spostato in avanti, ritardando l'angolo di stallo. 
•    chiglia progettata per abbassare il baricentro, utilizzando tutti gli sviluppi delle barche da regata di Javier Soto Acebal. Lama e bulbo sono progettati per ogni nuovo numero di Reynolds locale (velocità relative all'appendice).
•    baglio progressivamente aumentato verso poppa, per arrivare finalmente ad avere un baglio quasi costante fino allo specchio di poppa.
•    forma complessiva dello scafo con una sezione maestra ridotta (meno baglio sulla linea di galleggiamento e pescaggio locale dello scafo), quindi lo scafo appare più snello.
•    coefficiente prismatico dello scafo con volume a prua bilanciato dalle potenti forme di poppa. Queste nuove forme hanno una maggiore stabilità di forma e molte più potenzialità per raggiungere velocità più elevate.
•    specchio di poppa più verticale e con meno curvatura trasversale, quindi sotto sbandamento non si perde un centimetro di lunghezza effettiva al galleggiamento
•    sagomatura della zona di poppa evoluta verso sbalzi più brevi, che devono essere attentamente curati, per vincere la resistenza alle basse velocità (aggiunta superficie bagnata e vortici)
•    cavallino totalmente dritto per un perfetto punto di vista laterale
•    altezza della linea di cintura e forma hanno un secondo effetto sull'estetica della cabina, determinandone l'altezza finale e la curvatura inferiore all'intersezione del camber del ponte
•    eliminazione della linea di bellezza come su tutti i nuovi modelli, che rende l’aspetto complessivo più moderno e puro

Spazi da grande barca
Solaris 40 dispone di uno spazio tra i due timoni che non si trova neppure su imbarcazioni di oltre 100 piedi. Questo consente di timonare senza esser limitati dall’ingombro dello sprayhood, avendo sempre ben visibile il bordo di uscita e i filetti del fiocco. Due sedute abbattibili consentono di manovrare e timonare anche da seduti. L’uscita dal pozzetto è molto comoda. È stato ottenuto e sfruttato uno spazio concepito apposta per consentire un’agile salita di passaggio con due gradini per salire sulle passeggiate, da cui partono le draglie inclinate nella parte di poppa.
La distanza fra le due ruote dei timoni aumenta anche la vivibilità del pozzetto, che raggiunge livelli massimi e unici per un 40 piedi, e ne esalta la fruibilità.

Ampi spazi 
Gli interni, realizzati con il contributo dell’architetto Patrick Roseo, grazie alle forme dello scafo, sono i più ampi della categoria e propongono un design innovativo.
Due i layout disponibili: tre cabine e due bagni oppure due cabine e due bagni, con doccia separata. Il design interno è estremamente ricercato e di alta fattura, con gli stipetti che contengono le sei finestrature a scafo. La disposizione è classica con cucina a L a sinistra dell’entrata. 
Sia scegliendo la versione con tre cabine e due bagni, sia optando per la versione con due
cabine e due bagni, Solaris 40 propone un ampio spazio di stivaggio. 
I dettagli di confort sono particolarmente studiati. L’armadio nella cabina armatoriale ad esempio è provvisto di diversi ripiani personalizzabili, e di uno spazio per gli abiti lunghi. La cabina armatoriale è a tutta altezza per tutto il suo volume con tanto spazio, soluzione che non si trova su un 40 piedi. 

Solaris 40
Solaris 40

 

Le ultime notizie di oggi