Home > Cantieri > Sanlorenzo > Sanlorenzo annuncia due nuove nomine per la Divisione Superyacht

Tag in evidenza:

Sanlorenzo annuncia due nuove nomine per la Divisione Superyacht

 Stampa articolo
Antonio Santella
Antonio Santella

Dopo aver concluso con successo la stagione dei boat show europei, Sanlorenzo, tra i principali produttori al mondo di yacht e superyacht, annuncia un rafforzamento della divisione Superyacht, dedicata alla produzione di navi in metallo fra i 40 ed i 70 metri, con due nuove nomine.

advertising

Ad Antonio Santella è affidata la carica di Vice President della nuova area aziendale “New Product Development”, un vero e proprio Centro di Innovazione e Stile dedicato allo studio e sviluppo dei nuovi modelli della divisione Superyacht di Sanlorenzo, dove Antonio potrà valorizzare al meglio la sua unica esperienza nel campo dello sviluppo di innovative imbarcazioni in metallo fra 40 e 70 metri.
Antonio continuerà inoltre a seguire il suo ampio portafoglio clienti, coordinandosi strettamente con il Sales Team di Sanlorenzo Superyacht e con il Presidente di Sanlorenzo, Cav. Massimo Perotti.

In tale contesto, Luigi Adamo, già Sales Director della Divisione Yacht, assume il ruolo di Sales Director Superyacht.

 

 

Grazie agli importanti risultati ottenuti negli ultimi anni dalla Divisione Superyacht, e in occasione del Monaco Yacht Show 2019 durante il quale è stata presentata la nuova ammiraglia 64Steel Attila, Sanlorenzo consolida così il management per sviluppare ulteriormente i risultati di crescita raggiunti e per raccogliere le nuove opportunità offerte dal mercato.
 
La divisione Superyacht, il cui start-up all’interno di Sanlorenzo risale al 2007 con l’introduzione sul mercato dell’iconico 40m Alloy, ha sede nel cantiere della Spezia, un moderno sito produttivo di oltre 50.000 mq interamente dedicato alla progettazione e alla costruzione di navi in acciaio e alluminio fra 40 e 70 metri.
 
Sanlorenzo esprime l’apice della propria esperienza, artigianalità e innovazione, nella realizzazione dei Superyacht, tipologia che restituisce all’armatore il senso più autentico dell’avventura in mare aperto, offrendo a bordo spazi ampi ed articolati e tecnologie di ultima generazione.
Ogni esemplare è l’esito di un progetto a 360 gradi trasversale e innovativo, in cui l’ideazione dello scafo, forgiato dal metallo come un’opera d’arte, va di pari passo con la progettazione degli interni, creazione sartoriale personalizzata in ogni più piccolo dettaglio per ottenere ogni volta l’effetto desiderato.

Il 64Steel Attila, presentato al Salone di Monaco di quest’anno, con 1.600 tonnellate lorde di stazza, 64 metri di lunghezza, cinque ponti e una larghezza massima interna di 12,5 metri, è il più grande yacht finora realizzato da Sanlorenzo.
Una proposta innovativa grazie ad un layout e strutture comunemente presenti su yacht di maggiori dimensioni hanno permesso a Sanlorenzo di adottare soluzioni inedite pensate per rendere massima la vivibilità a bordo, coniugate ad eleganti linee esterne.
 
Tra queste, il Main Deck a poppa e il Beach Club sul Lower Deck rappresentano sicuramente le aree più caratterizzanti del progetto. Un segno forte di design e di layout è la doppia scalinata che collega l’area piscina e pranzo al Beach Club completato da sauna, hammam, sala massaggi e palestra, au fil de l’eau. Con lo specchio di poppa e le piattaforme laterali aperte, il Beach Club copre un’area di ben 78 metri quadrati.
 
Il nuovo 64steel di Sanlorenzo è stato premiato nel corso della sesta edizione della “Superyacht Awards Ceremony” che ogni anno sceglie i quattro nuovi migliori yacht sopra i 40 metri che saranno esposti al salone nautico. Durante la cerimonia di premiazione che si è tenuta presso lo Yacht Club di Monaco, la nuova ammiraglia di Sanlorenzo è stata dichiarata, dalla giuria di esperti, vincitrice del “2019 MYS/RINA Award”, in quanto dotata di sistemi e impianti conformi ai più elevati standard internazionali per la prevenzione contro l’inquinamento marino e dell’aria, stabilite dalla società di classificazione navale italiana RINA, che ne garantiscono la certificazione “green”.

Le ultime notizie di oggi