Home > Cantieri > Fincantieri > Fincantieri: risultati 2017 in linea con il Business Plan 2016-2020

Fincantieri: risultati 2017 in linea con il Business Plan 2016-2020

 Stampa articolo
Uno stabilimento Fincantieri
Uno stabilimento Fincantieri

Il Consiglio di Amministrazione di FINCANTIERI S.p.A. (“Fincantieri” o la “Società”), riunitosi sotto la presidenza di Giampiero Massolo, ha approvato il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2017 e il progetto di Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2017, redatti in conformità ai principi contabili internazionali (IFRS) nonché la Dichiarazione non Finanziaria al 31 dicembre 2017, redatta ai sensi del D.Lgs. del 30 dicembre 2016, n. 254.

advertising

A margine della riunione del Consiglio Giuseppe Bono, Amministratore Delegato di Fincantieri, ha commentato: “I risultati che abbiamo presentato confermano il buono stato di salute della società, che vanta alcune leadership indiscusse, ottenute grazie alle nostre capacità e alla nostra diffusa presenza sullo scacchiere internazionale. Abbiamo dimostrato di saper gestire progetti, gare e commesse altamente complessi. Questo livello di eccellenza si traduce oggi in un carico di lavoro decennale, nella puntuale trasformazione del nostro soft backlog in ordini e nel rispetto dei programmi e degli impegni assunti verso una clientela sempre più esigente.

Questa strategia è risultata premiante, e trova conferma nella creazione e distribuzione di valore per i nostri azionisti e per i nostri stakeholders anche attraverso l’incremento dell’occupazione diretta ed di quella indiretta mediante un significativo coinvolgimento delle numerose aziende dell’indotto. Ora mettiamo questo patrimonio a disposizione del Paese e dell’industria cantieristica europea, al consolidamento della quale lavoriamo da anni favorendo un processo irreversibile che con orgoglio ci vede fautori e protagonisti.

Bono ha poi concluso: “In un momento che per Fincantieri non esito a definire epocale, desiderio rivolgere un ringraziamento a tutti i nostri dipendenti e fornitori che con grande passione quotidianamente partecipano alla realizzazione di un prodotto che è tra i più belli al mondo.”

Fincantieri: risultati 2017 in linea con il Business Plan 2016-2020
Fincantieri: risultati 2017 in linea con il Business Plan 2016-2020

Risultati consolidati 2017

·       Risultati in linea con gli obiettivi indicati nel Piano Industriale 2016-2020

·       Ricavi record oltre euro 5 miliardi (+13% rispetto al precedente esercizio) e profittabilità in netta crescita con EBITDA di euro 341 milioni (+28% rispetto al 2016), Risultato d'esercizio adjusted[2] di euro 91 milioni (+52%) e Risultato d'esercizio di euro 53 milioni (+279%)

·       Nuovi ordini acquisiti per euro 8,6 miliardi (+31%) che confermano l’efficacia commerciale di Fincantieri ed il buon momento di mercato. L’importante commessa per il nuovo cliente Norwegian Cruise Line e l’ordine di due nuove navi “Seaside EVO” da parte di MSC Crociere evidenziano la capacità di attrarre e fidelizzare nuovi clienti

·       Carico di lavoro complessivo[3] di euro 26 miliardi, pari a oltre 5 anni di lavoro se rapportato ai ricavi 2017: il backlog al 31 dicembre 2017 è pari a euro 22 miliardi (+21%) con 106 navi in portafoglio e il soft backlog a circa euro 4,1 miliardi

·       Ottima performance operativa del settore Shipbuilding con 12 unità consegnate, di cui 5 da crociera tra cui la “MSC Seaside”, prima unità prototipo per l’armatore MSC Crociere

·       Indebitamento finanziario netto[4] pari ad euro 314 milioni (in diminuzione rispetto ad euro 615 milioni al 31 dicembre 2016)

·       Firmato con lo Stato Francese l’accordo di compravendita per l’acquisizione del 50% del capitale di STX France ed avviate le attività del gruppo di lavoro per l’integrazione con Naval Group. La finalizzazione degli accordi costituirà il punto di inizio per la creazione di un nuovo operatore globale di riferimento nella cantieristica civile e militare

·       Annunciata la proposta di delisting della controllata VARD

·       Incremento dell’occupazione in Italia con quasi 400 nuovi posti di lavoro creati direttamente, e 1600 nell’indotto

·       Proposta la distribuzione di un dividendo pari a euro 0,01 per azione

Principali obiettivi finanziari e strategici del piano industriale 2018-2022 (perimetro attuale)

·         Ricavi al 2022 previsti in crescita fino a circa il 50% rispetto al 2017

·         Significativo aumento della profittabilità con EBITDA margin al 2022 previsto tra l’8% ed il 9% dei ricavi (corrispondente ad una crescita dell’EBITDA fino a circa il 100% rispetto al 2017)

·         Risultato dell’esercizio adjusted previsto al 2022 tra il 3% ed il 4% dei ricavi

·         Generazione di cassa dalla gestione corrente nell’arco di piano finalizzata alla realizzazione di investimenti, riduzione dell’indebitamento e prosecuzione della remunerazione degli azionisti attraverso una sostenibilie politica di distribuzione di dividendi

·         Focus continuo sulla macchina organizzativa necessario per il raggiungimento degli obiettivi di crescita previsti dal piano e al fine di assicurare una corretta implementazione delle azioni strategiche individuate

·       Consolidamento della leadership nel segmento Cruise ed espansione dell’offerta nel Naval, facendo leva sulle confermate capacità di fornire prodotti well-proven, nonché di sviluppare nuovi concept per tutte le tipologie di clienti

·       Ulteriore diversificazione del business Offshore, sfruttando ancora di più le sinergie intra-Gruppo ed ampliando l’offerta ma mantenendo nel contempo le capacità operative e di innovazione necessarie per cogliere le opportunità in ambito Offshore

·       Rinnovato focus sulle attività post-vendita, per fornire soluzioni sempre più complete ai clienti

Altre delibere

·       Approvazione Dichiarazione non Finanziaria al 31 dicembre 2017, redatta ai sensi del D. Lgs. del 30 dicembre 2016, n. 254

·       Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti in unica convocazione l’11 maggio 2018

Le ultime notizie di oggi