Home > Cantieri > Cerri Cantieri Navali > CCN ridisegna la sua firma: italianità, personalità, eccellenza

Tag in evidenza:

CCN ridisegna la sua firma: italianità, personalità, eccellenza

 Stampa articolo
CEO CCN
CEO CCN Diego Michele Deprati

Passati oltre 20 anni dalla loro fondazione, i Cantieri Cerri mettono a segno un importante passaggio nella loro storia grazie al rinnovamento dell’organizzazione e del management, con una nuova immagine, un brand inedito e una contemporanea linea prodotto capace di conquistare il mercato e la clientela internazionale.

advertising

Nasce CCN, nuova firma della nautica Made in Italy: italianità, personalità, eccellenza, innovazione i valori  che contraddistinguono il nuovo percorso di CCN e che trovano perfetta corrispondenza nella flotta proposta dal cantiere.

Molti passi in avanti sono stati fatti dopo la costruzione, nel 1997, del primo motoscafo – il Cerri 28, riproposto poi nella versione 52 e 40 – che ha segnato l’inizio dell’attività di cantiere. Seguono imbarcazioni di maggiori dimensioni come il Cerri 86’ FlyingSport, perfetto connubio tra sportività e comodità, e il Cerri 102’ FlyingSport, una barca di 30 metri ricca di soluzioni rivoluzionarie, massime prestazioni e massimo comfort.

Oggi CCN è un fiore all’occhiello della cantieristica italiana con uffici altamente innovativi e un sito produttivo di oltre 9.000 metri quadrati.
Di proprietà della Famiglia Gavio dal 2012, il cantiere ha lavorato in prima battuta su un nuovo assetto manageriale e una strategia aziendale, attraverso importanti investimenti in ricerca e sviluppo, per guardare oltreconfine: al restyling delle due serie di maggior successo della Linea FlyingSport – il CCN 102’ ed il CCN 86’– di cui si mantengono i concetti ornamentali caratterizzanti con tocchi di modernizzazione in linea con le esigenze di oggi, si affiancano la Collezione “Firma”, con cui si identifica una linea di signature projects nati dalla collaborazione con importanti nomi del design e dell’architettura navale come lo Studio Vafiadis, lo Studio Spadolini e lo Studio Bacigalupo, e la Collezione “Fuoriserie” che segna il debutto di CCN nel mondo dei progetti su misura, capolavori unici e irripetibili che rispondono all’esigenza di completa personalizzazione dei clienti. Tra questi il MY FREEDOM di Roberto Cavalli, terzo esemplare della collezione Fuoriserie, ha ottenuto, a settembre 2018, il World Superyacht Trophy della rivista Yacht France nella splendida cornice di Cannes per lo yacht più all’avanguardia dell’anno grazie alle sue innovative soluzioni stilistiche.

“Stiamo assistendo a una rapida evoluzione dei bisogni dei nostri clienti – dichiara Diego Michele Deprati, CEO CCN – e grazie alla nostra offerta diversificata e fully custom siamo certi di poter ricoprire un ruolo di primo piano in questo mutato ecosistema del mondo yachting. Negli ultimi anni il nostro cantiere ha vissuto importanti cambiamenti, puntando su ricerca e innovazione: stiamo concretamente lavorando a soluzioni a basso impatto ambientale – continua Deprati – che ci consentiranno di creare valore e crescita sostenibile”.
Ad arricchire l’offerta del cantiere, 4 barche attualmente in costruzione, di cui 3 già vendute: Panam 40 firmato Francesco Paszkowski in lega di alluminio e magnesio, il DOM 123, 37,30m progettato dallo Studio Vafiadis, il Vanadis 31m in alluminio del designer Guido De Groot e l’86’FlyingSport in vetroresina di 26,30m.
Oltre alla sede italiana di Avenza (Massa Carrara), CCN, insieme al brand Baglietto, ha aperto da aprile 2017 la nuova sede Americana a Fort Lauderdale che avrà il compito di sviluppare e promuovere i due cantieri nelle Americhe.

CCN IN NUMERI
Superficie del cantiere: 9.000 mq. Progetto di ampliamento nei prossimi due anni per aumentare la produzione di 1 unità
Barche attualmente in costruzione: 4
Linee Prodotto: 3 (FlyingSport, Firma, Fuoriserie)
Numero Dipendenti: 20
Valore produzione: 25 milioni euro/anno
Produzione: 3/4 imbarcazioni/anno dai 30 ai 40 metri semidislocante veloce
Previsione di crescita entro 2021: +30/40%
Aree di maggiore interesse: Europa, Russia, USA, Arabia Saudita
Management:  Diego Michele Deprati – CEO
Adone Pucci – Direttore Generale
Guido Penco – Direttore Tecnico

Le ultime notizie di oggi