Home > Cantieri > Blu Navy > Blu Navy: forti perplessità sugli slot per l'Isola d'Elba

Tag in evidenza:

Blu Navy: forti perplessità sugli slot per l'Isola d'Elba

 Stampa articolo
Nave Acciarello, traghetto della compagnia Blu Navy
Nave Acciarello, traghetto della compagnia Blu Navy

La posizione della compagnia in merito all’assegnazione delle fasce orarie per i traghetti per i prossimi 4 anni sulla linea marittima Portoferraio-Piombino

 

advertising

Portoferraio (LI), sabato  12 novembre2016

Blu Navy ha ricevuto nella serata di giovedì 10 novembre l’ordinanza n. 13/16 con cui l’Autorità Portuale di Piombino e dell’Elba, ha assegnato alle compagnie di navigazione interessate gli “slot” (ovvero le fasce orarie disponibili per gli scali dei traghetti) per le prossime quattro stagioni sulla linea marittima fra Piombino e Portoferraio, nell’Isola d’Elba.

L’ordinanza è al vaglio della compagnia e Blu Navy si riserva la possibilità di mettere in atto ogni azione ai fini di tutelare gli interessi propri e dell’utenza.

Blu Navy tuttavia esprime fin d’ora con forza la propria assoluta contrarietà all’operato della commissariata Autorità Portuale che in tal modo, di fatto, congelerebbe fino al 2021 (!) la situazione attuale, con il numero degli slot rimasto invariato a 44, bloccando i piani di sviluppo più volte espressi - come la volontà di portare una seconda nave sulla tratta, in aggiunta alla “Acciarello” (che, terminato il servizio nel canale dell’Elba lo scorso 16 ottobre, riprenderà a essere impiegata nella primavera 2017), e di operare anche nella stagione invernale.

La compagnia ritiene che la situazione creatasi, di fatto mantenga una condizione di monopolio acclarato durante la stagione invernale ed un monopolio “controllato” durante la stagione estiva, e ciò a discapito delle esigenze più volte espresse con forza sia dai turisti che dai residenti e dal traffico commerciale, impedendo un ulteriore sviluppo del porto di Piombino.

Desta inoltre forti perplessità il fatto che un ente in attesa di imminenti modifiche strutturali, come risultato della riforma nazionale del sistema portuale, pianifichi in modo del tutto inusuale per ben quattro anni (finora la pianificazione avveniva su base annuale !) l’attività su una materia così delicata, peraltro senza alcuna considerazione delle legittime istanze avanzate da un operatore già esistente e contravvenendo ai provvedimenti emessi dall’Autorità Antitrust.

Questa pianificazione, oltretutto, va in senso esattamente opposto agli indirizzi espressi da una circolare del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dello scorso settembre, che invitava le autorità portuali in via di cessazione a non prendere provvedimenti eccedenti l’ordinaria amministrazione o che potessero impegnare le scelte future delle costituende “Autorità di Sistema Portuale” previste dalla riforma.

Blu Navy continuerà a battersi con ogni mezzo e in ogni sede per proseguire, ed accelerare, il suo percorso di crescita, convinta che una reale ed aperta concorrenza possa portare beneficio sia agli utenti che agli operatori stessi.

www.blunavytraghetti.com
info@blunavytraghetti.com

Le ultime notizie di oggi