Home > Cantieri > Azimut Yachts > Azimut yachts: arte e design a bordo

Azimut yachts: arte e design a bordo

 Stampa articolo
Azimut S7 Triennale Design Week
Azimut S7 Triennale Design Week

Nel corso della Design Week di Milano, a cui Azimut Yachts partecipa con il suo Azimut S7, barca di ultima generazione, in un’installazione che ha incuriosito, affascinato ed entusiasmato migliaia di visitatori, il brand ha presentato le due nuove esclusive collaborazioni con Alberto Mancini e Vincenzo De Cotiis Architects, nel solco della sua ricerca di un nuovo e più contemporaneo linguaggio stilistico a bordo.

Nei primi giorni della Design Week di Milano l’imponente installazione di Azimut Yachts, collocata proprio all’ingresso della Triennale, ha offerto ai numerosi visitatori l’opportunità di cogliere i legami tra nautica, arte e design. Portare a Milano un vero yacht, icona di design quale straordinaria sintesi di eccellenze manifatturiere e tecnologia d’avanguardia, è certamente un gesto coraggioso, ma più ancora un modo di rendere omaggio all’effervescenza creativa che anima la città in questa settimana.

L’attitudine al continuo rinnovamento e la capacità di superare le consuetudini, insiti nel dna del brand ed espressi in molte delle innovazioni introdotte nel settore, si sono infatti concretizzati in proficue collaborazioni con designer e architetti provenienti da esperienze non nautiche e tuttavia vicine per codici e stilemi al mondo Azimut Yachts.

E’ questo il tema portante della presentazione che ha avuto luogo mercoledì 18 aprile presso il Teatro dell’Arte, nel corso della quale Giovanna Vitelli ha brevemente ripercorso la storia quasi cinquantenaria del brand: dalla rottura delle regole tradizionali alla voglia di cambiare l’ordine costituito delle cose, dal contaminare con elementi inattesi all’essere i primi a fare qualcosa di dirompente.

“Da una decina di anni ci siamo messi alla ricerca, fuori dal settore, di architetti di punta che introducessero sui nostri yacht un nuovo linguaggio, con codici stilistici completamente differenti, espresso da progetti evoluti e contemporanei.” - ha dichiarato Giovanna Vitelli - Abbiamo così creato nuovi paradigmi che sposano l’oggetto barca con le più recenti evoluzioni stilistiche e di lifestyle, assecondando un modo di vivere più attuale e contemporaneo di vivere gli spazi a bordo.

Giovanna Vitelli ha poi sottolineato come tutto questo sia avvenuto senza perdere di vista l’obiettivo imprescindibile che la barca continui a rimanere una barca, non un appartamento o un hotel, con il suo perfetto equilibrio in relazione con l’ambiente circostante, senza snaturarne lo stile di vita che le appartiene. Per questo Azimut Yachts ha scelto di operare in un rapporto di continuo scambio tra il cantiere e i suoi designer, perché il know how dell’oggetto marino si fondi con lo stile più adeguato e innovativo adatto a declinarlo. “Spesso è una tensione continua – ha raccontato Vitelli, che nel Gruppo Azimut|Benetti è responsabile proprio dello sviluppo prodotto - perché il dialogo a volte non è semplice, eppure noi continuiamo a farlo perché crediamo in questo rapporto proficuo: un mutuo scambio tra il cantiere che conosce l’essenza marinara dell’oggetto, i bisogni dell’armatore e lo stile portato dall’architetto. Solo così la forma, con le sue funzioni stilistiche, contempera la funzione.”

In questo contesto sono state presentate le nuove ed esclusive collaborazioni del cantiere con due celebri firme del mondo del design, Alberto Mancini e Vincenzo De Cotiis, che hanno illustrato con entusiasmo e passione le loro creazioni.

Alberto Mancini è autore degli esterni dell’Azimut S10, nuova flagship della Collezione S, mentre a Vincenzo De Cotiis Architects sono stati affidati gli interni del Magellano 25 metri, Collezione Azimut Grande.

Entrambi gli yachts sono attesi per il 2019, anno in cui Azimut Yacht festeggerà il suo cinquantenario.

L’evento, ideato e prodotto da FeelRouge Worldwide Show, è stato condotto dalla giornalista Sabrina Donadel.

Le ultime notizie di oggi