Il primo porto di ogni notizia

Home > Cantieri > Azimut Yachts > Azimut Yachts a Miami con tre anteprime e 21 barche in esposizione

Azimut Yachts a Miami con tre anteprime e 21 barche in esposizione

 Stampa articolo  e-mail
Grande 27METRI

Azimut Yachts partecipa anche quest’anno al Miami Yacht Show dove esporrà tre anteprime americane, di cui due della linea Grande, regina della gamma: il Grande 27METRI, premiato ai World Yachts Trophies come “Most Achieved Trophy” nella categoria dagli 80' ai 125' e il Grande 35METRI, portabandiera della collezione che ha ottenuto quattro prestigiosi riconoscimenti internazionali. La terza prèmiere è l’Azimut 60, un 18 metri dalle linee slanciate, aggressive e accattivanti.

Protagoniste degli stand Azimut Yachts al Salone americano, in programma dal 15 al 19 febbraio, saranno i due gioielli della collezione Grande che tanto successo e riconoscimenti internazionali hanno riscosso negli ultimi mesi.

 Il Grande 27METRI, disegnato da Stefano Righini, è un superyacht wide body dal concept unico, che armonizza perfettamente le linee filanti dell’esterno con volumi interni senza confronto nel proprio segmento. La prua verticale e le ampie finestrature a tutta altezza, che salgono dallo scafo alla sovrastruttura, gli regalano un carattere sportivo e graffiante e ne costituiscono il segno grafico distintivo. Il Main Deck ospita la cabina armatoriale e offre la possibilità di avere cinque cabine, caso pressoché unico su imbarcazioni di queste dimensioni.

L’impiego esteso della fibra di carbonio – usata per hard top, roll-bar, Flydeck, sovrastruttura e specchio di poppa – ha consentito di aumentare gli spazi senza incrementare il peso e garantire migliori prestazioni e grande comfort. Gli spazi conviviali e privati sono infatti molto generosi.

Gli arredi sono opera di Achille Salvagni e si distinguono per le geometrie sinuose che valorizzano contrasti cromatici e materici. I mobili sono pezzi unici, disegnati e realizzati su misura da esperti artigiani.

Azimut Grande 35METRI, al suo debutto sul mercato americano, negli ultimi mesi ha ottenuto ben quattro riconoscimenti a livello internazionale. L’ultimo è stato il “Best New Production Yacht Design”, nell’ambito dei Boat International Design & Innovation Awards 2018.

Introdotto sul mercato a settembre 2017, il 35 è il più grande yacht realizzato finora dal cantiere e, grazie alla tecnologia della fibra di carbonio e all’abile mano di Stefano Righini che ne ha disegnato le linee esterne e realizzato il concept, offre soluzioni inedite per una barca di questa metratura.

 Il profilo è quello di una Wide Body RPH (raised pilot house) con un design esterno filante caratterizzato dalle finestrature a tutta altezza di dimensioni eccezionali. Unica nel suo genere l’opzione di aggiungere un ulteriore Sundeck di quasi 30 metri quadrati, posto su un terzo livello e accessibile da poppa dell’Upper deck, una soluzione che riesce a integrarsi perfettamente nel profilo, mantenendo inalterato l’equilibrio di vuoti e di pieni e preservando la dinamicità del modello. Tutta la sovrastruttura e l’hard-top sono realizzati in pura fibra di carbonio, alternato alla resina epossidica.

La terza e ultima anteprima americana è l’Azimut 60, un 18 metri firmato sempre da Stefano Righini, le cui linee esterne sono caratterizzate dalla prua verticale e dalle ampie finestrature della tuga, che sul lato dritta diventano a tutta altezza conferendo una visuale spettacolare sul mare, grazie al ribassamento della falchetta in corrispondenza del salone. Le numerose aree relax, tra cui una lounge di prua, offrono isole di privacy uniche su una barca di queste dimensioni.