Home > Cantieri > Arcadia Yachts > Arcadia Yachts inizia il 2019 con dieci unità in costruzione

Arcadia Yachts inizia il 2019 con dieci unità in costruzione

 Stampa articolo
Arcadia Yachts, dieci unità in costruzione per il 2019
Arcadia Yachts, dieci unità in costruzione per il 2019

- I dieci scafi attualmente in produzione nel rinnovato sito produttivo occupano circa il 60% della capacità del cantiere italiano

- La scelta di costruire anche scafi on spec garantisce all’armatore una significativa riduzione dei tempi di consegna

- L’ampliamento del cantiere ha permesso di raddoppiare gli spazi dedicati alle attività di after-sales, un valore aggiunto importante nel mercato del luxury yachting

Arcadia Yachts si conferma anche in questo inizio di 2019, come una delle realtà più attive nel panorama dello yachting internazionale. Sono ben dieci gli scafi attualmente in costruzione, per un valore complessivo di circa 40 milioni di euro, nella rinnovata area produttiva del cantiere. Arcadia ha infatti acquisito lo scorso anno il 21% della Marina di Torre Annunziata srl, sito produttivo e di alaggio e varo con darsena, portando così l’intera area dedicata alla produzione a superare i 47.000 metri quadri.

Nello stesso periodo Arcadia Yachts ha riorganizzato il layout produttivo, che permette ora di avere in parallelo fino a sette barche nella fase di allestimento e quattro in quella di laminazione. Nello specifico, attualmente sono in costruzione due A85, due A105, un A115, tre SHERPA e due esemplari del nuovo Sherpa XL, che farà il suo debutto ai saloni autunnali. Impressiona il fatto che nonostante questa ricca line up, il cantiere stia sfruttando circa il 60% della sua capacità produttiva.

“In meno di 10 anni di attività”, ha dichiarato Ugo Pellegrino, Amministratore Unico del cantiere italiano, “circa 30 imbarcazioni Arcadia Yachts sono state consegnate ai propri armatori. Un risultato di cui andiamo fieri e che ci spinge a fare sempre meglio. I prossimi anni vedranno la nostra struttura concentrarsi da un lato sulla nuova Gamma e su una migliore capacità distributiva e dall’altro su una nuova strategia produttiva che, oltre a rendere il sito produttivo più efficiente soprattutto per ciò che riguarda la rapidità di consegna, permetterà anche di rispondere sempre meglio alle richieste di personalizzazione dei nostri Armatori”.

Inoltre, la scelta di disporre sempre di uno scafo e di una coperta on spec pronti per l’allestimento di ogni modello, oltre che di un esemplare ready to sail di A85, Sherpa XL e di Sherpa (anche e soprattutto a fronte di numerose trattative in corso per questi modelli) dimostra da una parte la solidità finanziaria del cantiere e la fiducia che Arcadia Yachts ripone nella propria vision di prodotto, dall’altra ha anche un notevole risvolto pratico per il futuro armatore poiché riduce considerevolmente i tempi di consegna. In pratica Arcadia, in linea con la sua filosofia produttiva di cantiere-boutique, si porta avanti nella realizzazione delle strutture e impianti standard dello yacht (scafo, coperta, compartimentazione, impianti principali), lasciando comunque all’armatore ampia libertà per quanto riguarda le personalizzazioni stilistiche.

L’ampliamento del cantiere ha permesso anche di raddoppiare gli spazi dedicati alle attività di after-sales, alle quali da sempre Arcadia Yachts pone una particolare attenzione. Un valore aggiunto non indifferente nel mercato del luxury yachting: l’armatore può infatti affidarsi direttamente al cantiere per le operazioni di wintering e per la manutenzione, come già accade oggi per il 50% di yacht Arcadia che navigano nel West Med. Una percentuale destinata a crescere ancora proprio grazie agli investimenti fatti dal cantiere in termini di strutture.

Le ultime notizie di oggi