Home > Il blog di Michele Ansaloni > L'Atlantico in barca a vela, le routine di bordo in navigazione

Tag in evidenza:

L'Atlantico in barca a vela, le routine di bordo in navigazione

 Stampa articolo
Sailing, foto di Matthias Jordan
Sailing, foto di Matthias Jordan

Happy cruising

La navigazione in Atlantico durante la traversata dell'oceano, della quale ho parlato nel mio precedente articolo, è un’attività piacevole, perché le routine dei turni di guardia e al timone, si alternano con il riposo e, in assenza di telefoni e internet, i giorni scorrono uguali, albe e tramonti senza allarmi. Solo la natura parla: c’è vento, c’è l’onda lunga, piove, un groppo ci fa ballare... come i pesci nel mare. Chi ama leggere legge e il pensiero evita il quotidiano.

advertising

Questa calma apparente è tale se tutto funziona bene, mentre se qualcosa si rompe tutto diventa difficile, impervio. Se si rompe il frigorifero, se non si possono caricare le batterie, se non funzionano i bagni, se finisce il gas, per non parlare d’incidenti più seri, una crociera può diventare veramente spiacevole.

Proprio per mantenere in forma l’equipaggio ed evitare incidenti e rotture a bordo, fervono diverse attività. La preparazione dei cibi è una delle routine più impegnative. Bisogna controllare cosa c’è in cambusa e nel frigorifero, cosa conviene consumare prima. Inoltre, la barca rolla e beccheggia, e ogni operazione richiede pianificazione e attenzione. Non è impossibile, infatti, scottarsi o tagliarsi, oppure sbattere contro un cassetto. Apparecchiare, sparecchiare e fare i piatti, sono comunque operazioni se non impegnative almeno noiose.

Sailing, Michele Ansaloni
Sailing, Michele Ansaloni

Nell’aliseo le condizioni meteo sono abbastanza stabili così i cambi di vela e le regolazioni delle manovre non sono frequenti. È normale, tuttavia, ammainare al tramonto le vele più impegnative. Durante il giorno, poi, il respiro dell’oceano muta di intensità così è normale, quando c’è meno aria, orzare un poco regolando le vele di conseguenza. Anche i groppi di vento transitano con una certa regolarità e anche in quel caso ammainare o avvolgere una vela, diviene una routine.

È vero che l’oceano è vuoto, tuttavia qualche nave passa, un occhiata all’orizzonte, all’AIS e al radar, ogni tanto va data. La rotta va controllata di tanto in tanto, per radio si possono contattare altre imbarcazioni e ricevere bollettini meteo. Se poi c’è il satellitare allora ci si può tenere in contatto anche con persone lontane e care, o seguire avvenimenti...

Sailing, Michele Ansaloni
Sailing, Michele Ansaloni

Radio, strumenti e autopilota, sono in stand by giorno e notte, tuttavia per vedere se si si sta deviando troppo dalla rotta, se si incrociano navi o per affrancare la guardia dal servizio di governo, ogni tanto radio, strumenti e autopilota vengono accesi: la somma di questi consumi con le luci di via, il frigorifero e la pompa dell’acqua dolce, sono i più gravosi dal punto di vista energetico. E’ normale quindi verificare lo stato di carica delle batterie dei servizi e se questo si abbassa oltre un certo livello (12V) bisogna accendere il motore o il generatore per riportare la carica a livello.

Per inciso la maggior parte delle imbarcazioni aiuta le batterie con pannelli fotovoltaici e generatori eolici.

Pulire e arieggiare gli interni, pulire il pozzetto, mettere in opera o ripiegare la cappottina e il bimini, controllare le manovre e la tenuta degli stopper, sono piccole attività che concorrono anch’esse al “benessere a bordo”.

Le ultime notizie di oggi
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Pressmare