Home > Associazioni > K38 Italia > K38 Italia per la sicurezza in acqua del “Forte Village Challenge Sardinia

Tag in evidenza:

K38 Italia per la sicurezza in acqua del “Forte Village Challenge Sardinia

 Stampa articolo
Campionato
Campionato

K38 Italia per la sicurezza in acqua del “Forte Village Challenge Sardinia” e del Campionato Italiano assoluto FISW Surf Games 2018.

advertising

Sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018 si terrà la VI edizione del Forte Village Challenge Sardinia, evento di Triathlon internazionale unico nel suo genere per la bellezza dei paesaggi del Sud della Sardegna, limitrofi a Santa Margherita di Pula e che prende il via dal Forte Village Resort, uno dei resort più esclusivi al mondo.
Durante la frazione swim la sicurezza degli atleti in acqua sarà coordinata dal Rescue Team di K38 Italia, punto di riferimento nella formazione di operatori di soccorso con Aquabike basato su protocolli operativi americani.

I triatleti si sfideranno su due diverse distanze: il sabato sarà la volta della “Sprint Race” composta da 750 metri da percorrere a nuoto, 20 kilometri in bici e 5 di corsa e domenica si svolgerà la gara più impegnativa la “Middle Distance” composta da una sezione in acqua di 1900 metri, 90 kilometri in bicicletta e 21 da percorrere di corsa.
In contemporanea con il Forte Village Challenge Sardinia a Pula e con il Campionato Italiano assoluto FISW Surf Games 2018 a Capo Mannu (Oristano), eventi durante i quali K38 Italia garantirà la sicurezza in acqua, si svolge al Capo Camp di Sa Rocca Tunda la terza edizione del K38 Training Academy, il percorso professionalizzante dedicato a bagnini brevettati e conduttori di moto d’acqua da soccorso con l’obiettivo di formare soccorritori in grado di intervenire tempestivamente e in sicurezza anche in condizioni di mare agitato per il recupero, trattamento e trasporto di traumatizzati e attrezzature sportive mediante Aquabike da soccorso e SUP da Rescue. Un training che porta il soccorritore ad operare secondo gli standard di K38 International fornendo un livello di competenze al pari dei Baywatch americani.

I nuovi sport e le emergenze in mare

Fino a pochi anni fa erano solo i Surf e i Windsurf con loro vele stagliate sul mare a far drizzare i capelli ai bagnini. Ora sono i Kitesurf, con i loro “paracadute” e le funi che possono imprigionare mortalmente lo sportivo e mandare in panne le eliche dei soccorsi, o le nuove pinne “foil” vere lame di rasoio che sollevano le tavole dall’acqua. Per questo il programma dell’Academy non si limita alle tecniche di nuoto, all’approccio psicologico al Paziente e alla mobilizzazione del traumatizzato mediante Aquabike da soccorso ma estende la formazione al recupero in sicurezza di Kitesurf, Windsurf e Surf. Gli allievi, operatori del soccorso con vari livelli di esperienza, avranno la possibilità di supportare le iniziative che, in questa settimana, rendono la West Coast sarda una zona calda per gli sport acquatici e di confrontarsi quotidianamente coi veterani di K38 sottoposti a continue revisioni delle competenze e che durante il Camp parteciperanno a corsi di aggiornamento.


K38 Italia e le Aquabike da soccorso


La livrea bianca e rossa, la scritta RESCUE e la barella gialla: “Chiamarla moto d’acqua sarebbe come definire un’ambulanza un furgone con la barella” ci dice sorridendo Fabio Annigoni campione nazionale di moto d’acqua, oggi nel gruppo direzionale di K38 International, e fondatore nel 1999 di K38 Italia. La barella fissata saldamente alla moto lavora a pelo d’acqua facilitando il recupero del pericolante con minori sollecitazioni rispetto a gommoni o altri natanti ma ne cambia drasticamente i pesi, le misure, il baricentro e lo stile di guida richiedendo una formazione specifica che valorizzi la velocità di varo e la manovrabilità in condizioni meteo-marine avverse.
La normativa vigente che regola l’impiego delle Aquabike da salvamento non prevede alcuna formazione specifica oltre alla patente nautica per il conducente ed il brevetto di bagnino per chi opera sulla barella e questo fa capire la necessità di una maggiore consapevolezza e tecnica, necessarie per operare in un panorama delicato quale il soccorso in acqua. “Solo in mano ad un conduttore preparato l’Aquabike può fare la differenza” sottolinea Annigoni.
Campionato Italiano assoluto FISW Surf Games 2018

La seconda edizione del Campionato Italiano assoluto FISW Surf Games 2018, che si svolgerà nella penisola di Capo Mannu, è entrata nel “waiting period” (i giorni in cui si attendono le condizioni meteomarine migliori per realizzare una competizione). Il Campionato è organizzato in collaborazione con la sezione Surfing della FISW (Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard), le associazioni Sportive FISW Italian Surfing e IS BENAS Surf Club e patrocinato della Regione Sardegna e del Comune di San Vero Milis e dell’Area Marina Protetta del Sinis e Mal di Ventre. Questo evento ha portato nella “west coast” Sarda, grazie alla sua varietà di sport e alla sua esposizione geografica oltre 300 atleti che si confronteranno nelle discipline shortboard, longboard, bodyboard e SUP Wave.

A meno di 2 anni dal debutto olimpico questa è l’occasione di tastare il polso al surf italiano in vista dell’appuntamento di Tokyo 2020: gli atleti si confronteranno nelle competizioni che prenderanno il via nei diversi campi gara di Località Mandriola, Su Pallosu e S’Anea Scoada non appena le condizioni si faranno propizie e potranno svolgersi anche contemporaneamente secondo un programma preciso che si divide in un “giorno zero”, precedente la gara, con il check-in atleti alle 18.00, il briefing Staff alle 19.00 e la cerimonia di apertura alle 20.30 seguito dal “giorno uno”, primo giorno di gara, al quale potranno seguirne altri se necessario per completare le classifiche, che inizierà alle  07.00 con la verifica delle condizioni meteo e il Briefing Giuria e Atleti rispettivamente  alle 7.30 e 8.00, l’inizio dell’attività agonistica e la relativa cerimonia di chiusura.

Nello specifico, le categorie competitive sono SHORTBOARD Open maschile e femminile, LONGBOARD Open maschile e femminile, BODYBOARD Open maschile e femminile, STAND-UP-PADDLE Wave Open maschile e femminile, ADAPTIVE (nelle diverse categorie) e gli SPOT (campi di gara) saranno Capo Mannu, loc.Mandriola, Mini Capo loc.Mandriola, Lo Scivolo loc.Mandriola, Sa Mesa Longa loc. Su Pallosu, Su Pallosu loc. Su Pallosu, S’Anea Scoada loc. S’Anea Scoada.

Le ultime notizie di oggi