Home > Associazioni > Atena > Workshop Atena: Simulazione ambientale in ambito marino

Workshop Atena: Simulazione ambientale in ambito marino

 Stampa articolo

Dai sistemi di misura alla generazione di modelli previsionali. Interverranno: Dott. Cosmo Carmisciano (INGV), Dott.ssa Marina Pizzo (UNIGE), Prof. Daniele Caviglia (UNIGE) e Dott. Francesco Serafino (CNR)

advertising

Il porto di Genova
Il porto di Genova

OS-IS® nasce all'interno del progetto 'Vento Porti e Mare' che è stato cofinanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale nell'ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia “Marittimo” 2007 – 2013 (Liguria, Toscana, Sardegna, Corsica). In questo panorama, l'Autorità Portuale della Spezia ha voluto sperimentare un nuovo sistema pilota denominato OS-IS® finalizzato al monitoraggio del moto ondoso (altezza e periodo delle onde del mare) in prossimità del Golfo della Spezia. OS-IS® è un sistema brevettato e a marchio registrato. Il metodo OS-IS® è interamente costituito da strumentazione microsismica posta in edifici a terra, senza che vi sia il ricorso ad alcun sensore sulla superficie o sul fondale marino. Il metodo OS-IS® ha l’ambizioso obiettivo di risolvere le problematiche presenti nella misura dello stato del mare mediante l’uso di boe e relativi sistemi di ormeggio.

L’accoppiamento tra modelli meteorologici e modelli di simulazione del moto ondoso rappresenta lo stato dell’arte dal punto di vista della previsione operativa delle condizioni meteo-marine. L'incertezza associata alla previsione dello stato del mare dipende fortemente dall'affidabilità delle previsioni del vento. Per questo motivo, l’utilizzo di modelli in grado di simulare il campo di vento sul mare ad alta risoluzione, con affidabilità della previsione dell’ordine di 1-2 m/s in termini medi, permette di ottenere previsioni dei parametri del moto ondoso affidabili con scostamenti contenuti rispetto alle condizioni reali, come dimostrato nell’ambito della catena operativa previsionale del vento e del moto ondoso messa a punto nell’ambito del Progetto Europeo “Vento, Porti e Mare”.

Sono attualmente in corso sperimentazioni volte ad integrare il sistema ed il modello appena descritti con ulteriori due sottosistemi: SRS e Radar in banda X.

Identificare l’intensità e la distribuzione spaziale degli eventi meteorologici estremi in corso d’evento (o nowcasting) oggigiorno è diventato una necessità per la gestione dell’emergenza. Smart Rainfall Systems (SRS) è un innovativo sistema di monitoraggio pluviometrico in tempo reale nato per soddisfare tale esigenza e basato sulla misura dell’attenuazione del segnale satellitare a micro-onde comunemente impiegato per le trasmissioni televisive. Le mappe di intensità di pioggia prodotte dal sistema SRS vengono aggiornate con una risoluzione temporale pari a un minuto e costituiscono un inedito strumento di monitoraggio per i soggetti preposti alla protezione civile e per i gestori di infrastrutture e servizi in qualsiasi ambito territoriale.

Il radar marino in banda X rappresenta oggi uno strumento consolidato per il monitoraggio, in tempo reale, da piattaforma fissa o da nave, dello stato mare e per la misura delle correnti superficiali e la batimetria del fondale. Le misure fornite da 'Wave Radar' possono essere utilizzate per validare i modelli previsionali di onde e correnti, per studiare il comportamento delle infrastrutture marine all'impatto delle onde e per incrementare la sicurezza della navigazione.

 

Le ultime notizie di oggi