Home > Associazioni > Assonat > Convegno al Senato: Come rendere strutturale il turismo italiano

Convegno al Senato: Come rendere strutturale il turismo italiano

 Stampa articolo

Si è svolto oggi a Roma presso la Sala Isma - Istituto Santa Maria in Aquiro, Senato della Repubblica - l’evento promosso dall’Osservatorio Parlamentare per il Turismo tema “Come rendere strutturale il turismo italiano”, quale momento di confronto e riflessione sulle possibili strategie per l’ottimizzazione dell’offerta del turismo in Italia. Il Convegno è stato presieduto e moderato dal Presidente dell’Osservatorio Parlamentare Ignazio Abrignani, che dopo un indirizzo di saluto ha visto in apertura l’intervento del Ministro ai Beni e alle Attività Culturali e al Turismo Dario Franceschini.

Palazzo Madama, Roma, sede del Senato della Repubblica
Palazzo Madama, Roma, sede del Senato della Repubblica

I lavori hanno visto le anticipazioni del rapporto 2017 dell’Osservatorio permanente sui Piani Strategici del Turismo di Confturismo-Confcommercio da parte del Direttore Ciset Università Ca’ Foscari di Venezia Mara Manente: "Segmentare per consolidare la crescita: la strada dei PST".

Tra i rappresentanti delle confederazioni del comparto turismo è intervenuto il Vice Presidente di Confturismo-Confcommercio e Presidente Assonat Luciano Serra, che ha evidenziato le straordinarie potenzialità della voce turismi nel contribuire ad apportare all’economia turismo una vera e propria valorizzazione del patrimonio storico-culturale, naturalistico, enogastronomico, artigianato, vetrine delle eccellenze presenti nel nostro Paese.

Ha poi proseguito richiamando le necessità di una burocrazia semplificata e di provvedimenti legislativi indispensabili, in primis l’approvazione delle concessioni demaniali che grazie all’impegno profuso è stata calendarizzata a partire da domani 6 dicembre in seconda lettura.

Ha infine concluso auspicando procedure chiare e certe per sostenere e supportare le imprese in un percorso virtuoso di sviluppo e crescita, al fine di favorire l’occupazione delle future generazioni con positive ricadute economiche per il territorio.