Home > Approdi > Porto Lotti > Boot Dusseldorf 2017: Porto Lotti e Parco Nazionale Delle Cinque Terre al salone tedesco

Boot Dusseldorf 2017: Porto Lotti e Parco Nazionale Delle Cinque Terre al salone tedesco

 Stampa articolo
La marina di Porto Lotti
La marina di Porto Lotti

Porto Lotti e Parco Nazionale Delle Cinque Terre al Boot 2017

advertising

 

Porto Lotti è la meta ideale nel Mediterraneo per Armatori e clienti del nord Europa, che trovano nel Golfo della Spezia un clima mite tutto l'anno, servizi di prim'ordine e una notevole facilità di collegamento, sia con i vicini aeroporti internazionali di Genova e Pisa che con la rete autostradale e ferroviaria italiana.

La marina di Porto Lotti (520 posti barca da 12 a 180 m) è situata al centro di un'area naturalistica molto particolare, caratterizzata dalla prossimità al Parco Nazionale e Area Marina Protetta delle Cinque Terre e rappresenta, per la qualità dei servizi e per l’attenzione all’ambiente, l’ormeggio ideale per tutti coloro che desiderano vivere e visitare il territorio, che si distingue per enormi potenzialità naturalistiche.

Il Parco e l’Area Marina protetta sono caratterizzate da una gestione integrata che offre efficienza in termini di tutela e valorizzazione dell’ambiente marino, vantaggi per i visitatori, servizi e agevolazioni che, in accordo con Porto Lotti, saranno messi a disposizione dei diportisti ospiti.

Uno scorcio del Parco Nazionale Delle Cinque Terre
Uno scorcio del Parco Nazionale Delle Cinque Terre

 

Eccellenza del Parco è il paesaggio trasformato nei secoli attraverso la costruzione di terrazzamenti sorretti da muri a secco, attraversati da centinaia di sentieri, da cui si ricavano vini di grande qualità prodotti in piccolissime quantità e con grande fatica vista la difficile orografia, tra i quali il raro e famoso “Sciacchetrà”: is a sweet straw wine produced in the Cinque Terre and obtained from the grapes coming from the vineyards Bosco, Albarola and Vermentino.

La marina di Porto Lotti
La marina di Porto Lotti

Le origini di questo nome sembrano essere avvolte nel mistero: alcuni pensano che derivi dalla parola semitica "Shekar", nome con il quale, 3000 anni fa in Palestina, le bevande fermentate venivano chiamate; altri pensano che derivi dal dialetto "sciacàa", che significa "schiacciare", usato per indicare la pressatura delle uve. E' certo che questo buon vino è diventato il simbolo per eccellenza delle Cinque Terre.

 

www.portolotti.ti

www.portolottisuperyachts.com

www.parconazionale5terre.it

Le ultime notizie di oggi